Artisti di Arezzo per la Sardegna: grande evento al Mecenate

La solidarietà veste il volto dell’arte in aiuto del paese di San Gavino

- Al: 23/12/2013, 00:00 | Categoria: Altro
STAMPA

Sabato 28 dicembre 2013, alle ore 21:15, il Teatro Mecenate di Arezzo apre le porte alla solidarietà con “Artisti di Arezzo per la Sardegna”, un evento patrocinato da Comune e Provincia di Arezzo.

Artisti e arte, musica e teatro per un obiettivo concreto di grande valore: una raccolta fondi dedicata alla ricostruzione del paese di San Gavino, colpito dalla recente alluvione in Sardegna. A San Gavino stanno infatti operando alcuni volontari della Protezione Civile del Casentino e saranno loro a consegnare l’intero contributo della serata a garanzia della riuscita della raccolta.

La creazione di un mondo solidale in cui la giustizia parli con il fare oltreché con il pensare passa dunque anche dal Teatro Mecenate di Arezzo e da alcuni degli artisti più noti del nostro territorio: Andrea Biagiotti, Andrea Chimenti, Casa del Vento, Jessica Lombardi, Noidellescarpediverse e la formazione dell’Orchestra Multietnica di Arezzo diretta da Enrico Fink.

Ad organizzare l’evento, che sarà presentato dal giornalista Andrea Laurenzi, si è offerta Officine della Cultura, nota cooperativa della città con un impegno provato nel sociale e nella promozione e valorizzazione dei mestieri dell’arte. Costituiscono inoltre parte integrante delle organizzazioni coinvolte in “Artisti di Arezzo per la Sardegna”, oltre a Comune e Provincia di Arezzo, la Consulta Provinciale Volontariato Protezione Civile e ACLI.

La buona riuscita dell’iniziativa passa naturalmente dal sostegno dei cittadini e dal valore aggiunto, in partecipazione a un evento unico per la città in un momento così particolare come il Natale, che accompagnerà il loro contributo. A questo fine il biglietto per partecipare all’evento, dal costo di euro 12, potrà essere acquistato presso Vieri Dischi (Corso Italia) senza costi aggiuntivi di prevendita, Ipercoop Arezzo (circuito boxoffice) e online attraverso il sito www.boxol.it.

Tra gli ispiratori dell’evento Alessandro Santini, uno dei partecipanti alla missione in aiuto dei terremotati di Finale Emilia, che dichiara: “L’esperienza avuta lascia sempre una forte angoscia e amarezza ma anche un senso di responsabilità nei confronti delle persone con le quali sono stato a stretto contatto e per la situazione in cui sono costretti a vivere o meglio, ‘sopravvivere’. Solo il contatto diretto con gente sopravvissuta ad eventi catastrofici ti dà la realtà e la consapevolezza delle loro condizioni, non certamente i mass media”.

Ulteriori informazioni: www.arezzosolidale.it; Officine della Cultura: 0575 27961 – officine cultura.blogspot.it.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK