Concerti a Monterchi: ultimo appuntamento

Grande successo, il bilancio

- Al: 22/08/2013, 10:43 | Categoria: Musica
STAMPA

Si conclude venerdì sera a Monterchi l’edizione 2013 del Tiber Sinfonia Festival dopo quasi 40 giorni ricchi di eventi che hanno animato l’estate della Valtiberina. Gli appuntamenti del Monterchi Festival, confluito nel nuovo Tiber, hanno confermato anche per quest’anno un trend di decisa crescita che ha posto il piccolo comune monterchiese come un punto di riferimento per gli eventi culturali estivi della zona. Il ricco cartellone allestito dal direttore artistico, il M° Lorenzo Rossi, ha offerto un programma variegato e attento al territorio; grande è stato il gradimento per la giornata dedicata alla leggenda dell’Agnolaccio, che grazie alla collaborazione del Dott. Lorenzo Minozzi, ha portato la leggenda monterchiese dell’Homo salvatico alla conoscenza dei visitatori che hanno poi goduto di un bel concerto tenuto nello splendido castagneto della proprietà Fruscini. Eccezionale è stata l’impresa di portare un opera lirica completa, con tanto di costumi e scene, di grande importanza come le Nozze di Figaro di Mozart ed offrirla ad ingresso gratuito sia a Monterchi che a Sansepolcro, di solito per un biglietto per uno spettacolo del genere si parte da un costo di 40/50 euro. Questo grazie alla collaborazione tra il direttore artistico, M° Rossi, e il Meredith College del North Carolina Young Artists Project che hanno reso possibile l’allestimento con un costo molto ridotto pur mantenendo la necessaria qualità. In tempi di crisi questo è stato uno dei fili conduttori e la grossa sfida che ha condizionato la composizione del cartellone alle prese con un budget molto limitato e lontanissimo dalle cifre di altri festival; sfida largamente vinta visto l’alto livello artistico, l’interesse costante dei media e il seguito di pubblico che al termine della manifestazione si attesterà sulle 2.000/2.500 presenze. Numeri importanti per il piccolo comune di Monterchi che conta meno di 2.000 abitanti e che ha visto la partecipazione dei visitatori accorsi per gli eventi del Tiber durante l’arco di tutta l’estate ed ha sicuramente contribuito a ravvivare il paese anche sotto l’aspetto economico. Tanti turisti sono tornati a visitare il territorio del comune ed alcuni vi hanno anche soggiornato, dopo aver assistito ai concerti. Una certezza è diventata ormai la sezione dedicata al Jazz, in collaborazione con l’Enoteca “Al Travato”, che ha riscosso un grande successo ed ha avuto la sua punta di diamante con la Pieve Jazz Big Band di Luca Marianini e il grande sassofonista Dario Cecchini.
Quindi ultimo appuntamento venerdì sera, 23 agosto alle 21.30, in Piazza Umberto I°, dove calerà il sipario con la Ciacciabanda, band di 12/13 elementi, e proporrà musica che spazia dal balcanico al funky e sostituirà il previsto intervento degli Obelisco Nero.
L’ingresso, come sempre, è libero Un ringraziamento del direttore artistico, M° Lorenzo Rossi, all’amministrazione del Comune di Monterchi ed in particolare all’Assessore alla Cultura Maria Cristina Polcri che, nonostante il momento di difficoltà economica così generalizzato, non perde l’entusiasmo e la fiducia nella cultura; in un territorio come il nostro forse essa è l’unica via d’uscita che può e deve essere il traino per la nostra ripresa, economica ed intellettiva.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK