Notizie di storia, la presentazione del numero 28

Martedì, 22 gennaio, all'Auditorium Ducci

| Categoria: Storia
STAMPA

È in programma martedì 22 gennaio, alle ore 17,30 all’auditorium Ducci di via Cesalpino, la presentazione del numero 28 di “Notizie di Storia”, periodico semestrale della Società storica aretina, da pochi giorni in edicola. A presentare la rivista saranno, come di consueto, il direttore Luca Berti e gli autori degli articoli pubblicati nel giornale.
Apre il numero un editoriale che fa brevemente il punto sulla storiografia aretina. Cinque sono invece i “contributi” presenti. Il primo di Simone De Fraja descrive le antiche fortificazioni della famiglia Azzi a Torrita presso Olmo, oggi scomparse. Seguono Michele Loffredo e Silvia Dagnino con il monumento al granduca Ferdinando I, sulle scalinate del Duomo, e il suo recente restauro. È poi la volta di Alessandro Garofoli con un articolo sulla ventilata abolizione della Provincia di Arezzo nell’Ottocento e di Italo Farnetani che indaga le condizioni dell’infanzia aretina durante la “Grande guerra”. Chiude la sezione Francesca Martinelli con “I veleni di Villa Mancini”, un articolo sulla morte del conte Lorenzo Mancini ed il recupero dei suoi beni da parte di Giuseppina Mancini, la “Giusini” di D’Annunzio.
Nella seconda parte della rivista troviamo due “testimonianze”: di Pier Lodovico Rupi sulle cooperative Acli-casa in provincia di Arezzo e di Stefano Pasquini sul padre Alessio, senatore del Pci. Diverse pagine, a cura della Biblioteca “Città di Arezzo”, sono poi dedicate alle segnalazioni bibliografiche ossia all’indicazione degli scritti sulla storia del territorio aretino pubblicati nel corso del 2011. Seguono quattro recensioni di altrettanti libri sulla storia di Arezzo e del suo territorio a firma di Ferdinando Abbri, Franco Cristelli, Giuliano Pinto e Gian Paolo Scharf. La rivista prosegue con i necrologi di Vittorio Gnocchini, “archivista massonico”, e di don Franco Bindi, parroco di Santa Firmina, a firma di Franco Cristelli e di Luca Berti. Chiudono la rivista le sezioni “notizie” e “lettere”.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK