Giovane lucignanese scommette sul territorio "Apro un ristorante innovativo. Prodotti tradizionali ma con uno stile moderno"

L'esperienza e la sfida di Jacopo Trasolini

| di Osvaldo Tavarnesi
| Categoria: Attualità
STAMPA
Jacopo Trasolini

Un giovane lucignanese "scommette" per amore della sua terra, sulla possibilità che può offrire, nell'ambito imprenditoriale, questo gioiello di Borgo Medievale a nome Lucignano. Jacopo Trasolini fresco di diploma, conseguito nel 2013, presso l' Istituto Alberghiero "A. Vegni Capezzine, in qualità di Tecnico dei servizi di ristorazione, con un eccellente voto finale di "100", "presentazione" questa che gli aveva aperto le porte di alcuni grandi ristoranti, e che avevano, allo stesso tempo fatto crescere in lui il desiderio, comprensibile, di mettere a frutto quanto ben fatto a scuola e la possibilità di farsi conoscere ed apprezzare per la sua determinazione ed amore per la cucina, con la speranza di una possibile carriera nel Gotha degli chef italiani. Ma, come spesso accade i "geni" familiari riconducono il giovane alle origini e con dei genitori dediti da sempre all'amore per la cucina: la mamma e la passione del vino buono e genuino, il babbo, e la possibilità di usufruire di un sito strutturale come il loro Agriturismo "Victor and Rose" immerso nella splendida campagna lucignanese, unito alla dirompente carica energetica e vitale di una gioventù propositiva, ecco che la decisione è presa: "aprirò un locale di ristorazione innovativo che curerà soprattutto l'eredità antica del buon mangiare sano e con i sapori di una volta. "
Agevolato, ci spiega Jacopo, dalla stessa cura ed attenzione che anche la mia famiglia ha per la Green Energy, tanto che anche l'agriturismo è sempre più dotato di energie pulite, e sono stato cresciuto con una particolare attenzione alle genuinità dei prodotti, ho creduto opportuno sviluppare il sogno dei miei genitori che hanno pensato bene di portare a tavola piatti tradizionali con prodotti agricoli a km zero e vino Chianti di loro produzione con uve Sangiovese selezionate e mettere a disposizione dei clienti un locale innovativo. Il mio è un ristorante che ben si propone anche ai giovani, e non potrebbe essere altrimenti data la mia età, e offriamo loro, con eventi promozionali, dei nostri prodotti tradizionali ma in uno
stile moderno, con musica, birre artigianali del luogo e piatti che mostrano la tradizione culinaria in un aspetto moderno. Un locale per tutte le stagioni e per tutte le età sempre tenendo fede ai nostri principi di serietà, rispetto della nostra tradizione culinaria e grande attenzione alla genuinità". Il giovane chef Jacopo ha già potuto dimostrare tutto il suo talento culinario anche agli stranieri dandone una dimostrazione ad un numeroso gruppo di medici giapponesi, venuti in Italia per un Convegno con il Prof. Borghesi ed altri dottori dell'ASL 8 (a proposito di eccellenze italiane). Questi emeriti figli del Sol Levante, hanno unito le conoscenze mediche italiane, con il rito più piacevole del buon mangiare locale e da come  appare dalla fotografia di gruppo  è molto evidente quanto sia stato il loro apprezzamento.

Osvaldo Tavarnesi

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK