Da oggi attiva la nuova gestione regionale per gli interventi di emergenza ambientale

| di Lucrezia Lombardo
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il numero unico regionale sarà a disposizione delle amministrazioni e delle forze dell’ordine e non dei cittadini, che continueranno a segnalare le emergenze ambientali agli enti di primo soccorso
187-14 - Da oggi attiva la nuova gestione regionale per gli interventi di emergenza ambientale
Presso la Sala operativa della Protezione Civile della Provincia di Firenze saranno da oggi canalizzate tutte le chiamate provenienti dalle Amministrazioni regionali (e da ASL, Vigili del Fuoco, Forze di polizia, Carabinieri) e riguardanti segnalazioni di emergenze ambientali. I cittadini, dal canto loro, dovranno continuare a segnalare le emergenze ambientali agli Enti di primo intervento suddetti: ARPAT infatti non è ente di primo soccorso ma interviene con il proprio supporto tecnico a favore degli Enti suddetti per le attività di intervento che rientrano nella propria sfera di competenza.

Le segnalazioni giunte alla Sala operativa verranno - 24 ore al giorno per 365 giorni l'anno - ricevute, trattate e smistate dal personale della Sala alle competenti strutture di ARPAT sull'intero territorio regionale. Tra le tipologie più frequenti di emergenze ambientali possiamo trovare sversamenti di inquinanti in corsi d'acqua superficiali, che possono portare a morie di pesci,emissioni incontrollate di gas in atmosfera come risultato di attività industriale o emissioni in atmosfera connesse ad incendio di industrie che trattano sostanze pericolose.

La Sala, con l'utilizzo delle proprie piattaforme informatiche, permetterà ad ARPAT la registrazione degli eventi, la visione delle mappe territoriali implementate nel tempo con le banche dati di ARPAT e la gestione di una rubrica condivisa.

Lucrezia Lombardo

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK