Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

IL CIELO NON è UN FONDALE

prova-aperta della Compagnia Deflorian/Tagliarini

| di valentina fiori
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA


LABORATORI PERMANENTI

Presenta il

 

25 ottobre 2016

Ore 21 – Teatro Alla Misericordia Sansepolcro

 

IL CIELO NON È UN FONDALE

Prova-Aperta

Compagnia Deflorian/Tagliarini

 

uno spettacolo di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini

con Francesco Alberici, Daria Deflorian, Monica Demuru e Antonio Tagliarini

collaborazione al progetto Francesco Alberici e Monica Demuru

scene Cristian Chironi

costumi Metella Raboni

assistente alla regia Davide Grillo

disegno luci Gianni Staropoli

direzione tecnica Giulia Pastore

accompagnamento e distribuzione internazionale Francesca Corona
organizzazione Anna Damiani

 

una produzione A.D., Sardegna Teatro, Teatro Metastasio di Prato, Emilia Romagna Teatro Fondazione

in coproduzione con Odéon – Théâtre de l’Europe, Festival d’Automne à Paris, Romaeuropa Festival, Théâtre Vidy-Lausanne, Sao Luiz - Teatro Municipal de Lisboa, Festival Terres de Paroles, théâtre Garonne, scène européenne – Toulouse

con il sostegno di Teatro di Roma

in collaborazione con Laboratori Permanenti/Residenza Sansepolcro, Carrozzerie NOT/Residenza Produttiva Roma, fivizzano27/ nuova script ass. cult. Roma

Il cielo non è un fondale, nonostante la negazione del titolo, vuole rafforzare il dialogo tra lo spazio della finzione e lo spazio esterno, il reale. E’ un dialogo sempre più necessario. Respiriamo a fatica l'aria da training e da improvvisazioni della sala prove dove dopo un po’ la vita è altrove. Proviamo a rompere queste pareti. Tutte, non solo la benedetta quarta che ossessiona il teatro, rompiamole come primo gesto, come gesto di ingresso sulla scena. Stiamo fuori di noi. La vita collettiva ci decifra.

“Quando scrivo non ho l’impressione di guardare dentro me stessa, guardo in una memoria. In questa memoria vedo delle persone, vedo delle strade, sento delle parole e tutto questo è fuori di me” ha detto Annie  Ernaux in una intervista. L’opera di questa scrittrice ci ha guidato nella nostra indagine, permettendoci di osservare, decifrare e restituire quella continua osmosi tra dentro e fuori, quei continui spostamenti di senso tra quello che noi siamo e quello che ci succede attorno.
 

Ingresso offerta a contributo 6 euro.

Per info e prenotazioni:

laboratoripermanenti.promotion@gmail.com

334.5441166

 

 

 

valentina fiori

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK