San Giovanni Valdarno

prostituzione all' interno di centro benessere - arrestata titolare.

| di Lucrezia Lombardo
| Categoria: Cronaca
STAMPA

I Carabinieri della Stazione di Levane hanno tratto in arresto per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione una 30enne straniera, titolare di un centro benessere in Valdarno.

Il 25 giugno scorso, a conclusione delle attività d’indagine, i militari dell’Arma accertavano che la 30enne aveva reclutato delle donne, che esercitavano la prostituzione all’interno dell’esercizio da lei gestito.

La donna veniva tradotta dai Carabinieri presso la casa circondariale di Firenze Sollicciano.

Il 27  giugno scorso il GIP convalidava l’arresto e disponeva che la donna fosse posta in libertà provvisoria.

Ieri i Carabinieri di Levane hanno dato esecuzione all’ordinanza di sequestro preventivo dell’unità immobiliare emessa dal GIP di Arezzo, al fine di impedire la prosecuzione dell’attività illecita.

 

Compagnia Carabinieri San Giovanni Valdarno: deve scontare quasi due anni di carcere – arrestato 24enne rumeno.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno hanno tratto in arresto, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Corte d’Appello di Firenze il 30 maggio scorso, un 24enne rumeno, dovendo l’uomo scontare 1 anno, 11 mesi e 27 giorni di reclusione.

Il provvedimento trae origine da reati commessi alcuni anni fa in Romania.

L’arrestato è stato tradotto dai Carabinieri presso la casa circondariale di Arezzo.

 

Compagnia Carabinieri Cortona: sottoposto a controlli, risulta sotto l’effetto di stupefacenti – denunciato 33enne della provincia di Siena.

 

I Carabinieri della Stazione di Terontola hanno denunciato in stato di libertà per guida in stato di alterazione psicofisica dall’uso di sostanze stupefacenti un 33enne della provincia di Siena.

Alcuni giorni fa l’uomo veniva fermato ad un posto di controllo dei Carabinieri e trovato in possesso di siringhe ipodermiche ancora non utilizzate e liquido fisiologico.

I militari dell’Arma decidevano quindi di invitarlo a sottoporsi agli accertamenti sanitari presso l’ospedale di Cortona, il cui esito attestava che  l’uomo aveva fatto uso di oppiacei. Il 33enne veniva inoltre segnalato alla Prefettura.

Lucrezia Lombardo

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK