Fratelli d'Italia Arezzo:'La partecipazione a destra diventa realtà e torna la fiamma di Alleanza Nazionale'

Il portavoce uscente carlotta Buracchi afferma: 'In Italia c'è bisogno di una destra sociale, popolare, nazionale'

| di a cura della redazione
| Categoria: Politica
STAMPA

"La partecipazione a destra diventa realtà! E' per noi un piccolo e grande orgoglio dal momento che siamo nati un anno fa proprio sulla scia delle allora primarie del PdL prima annunciate e poi abortite. Una presa in giro per tutti gli elettori che credevano nella partecipazione e non nelle scelte calate dall'alto.", rivendicano da Fratelli d'Italia Arezzo, in piena campagna per le primarie di sabato e domenica.

La consultazione è di livello nazionale: si potranno scegliere presidente del partito (anche se per la verità Giorgia Meloni corre da sola) e, con un massimo di tre preferenze i grandi elettori, ossia i delegati di ogni provincia (per l'aretino saranno 16 a fronte di una ventina di candidati) che l'8 e il 9 marzo ratificheranno le decisioni al congresso. Ma soprattutto spazio alla scelta del simbolo: la maggior parte si ispira al simbolo di Alleanza Nazionale, con la fiamma del Movimento Sociale Italiano al centro, risultato della battaglia condotta, non senza contrasti, all'interno della fondazione che custodisce i beni della forza politica in passato guidata da Fini; uno invece sembra molto proiettato al futuro, con una fiamma stilizzata che ricorda il logo del Front National di Le Pen.

"Guardiamo al futuro ma siamo ancorati alle nostre radici, perchè quella è la formula vincente: non si affrontano nè il futuro nè il presente senza tenere d'occhio il passato e valutarne errori e vittorie" - afferma il portavoce uscente Carlotta Andrea Buracchi, che prosegue - "in Italia c'è bisogno di una destra sociale, popolare, nazionale, attenta alle tematiche comunitarie ma anche sindacali, lavorative, ambientali. La nostra sfida rappresenta una bellissima opportunità proprio nel momento in cui la politica si svolge tutta all'interno dei palazzi, come dimostrano 'staffette' e cambi di testimone: uno spettacolo da prima repubblica. Noi il partito dove uno decide per tutti l'abbiamo già sperimentato e ce ne siamo andati. Ora vogliamo costruire il partito in cui l'opinione dell'iscritto conta quanto quella del presidente nazionale."

Tornando alle primarie, i seggi saranno tre: a Soci (Bibbiena) in via Bocci 62, aperto solo il sabato dalle 10 alle 20; a Montevarchi in p.zza Magiotti 5 la domenica dalle 10 alle 20 ed a Arezzo capoluogo in via Garibaldi 172 dalle 10 alle 20 in entrambi i giorni del weekend. Potranno votare iscritti, non iscritti ma anche tutti i cittadini comunitari maggiorenni anche stranieri dietro contributo di 2€ e sottoscrizione del documento programmatico di Fratelli d'Italia. Sulla scheda presidente nazionale, preferenze e spazio anche ad un sì o ad un no su proposte concernenti le riforme istituzionali e sociali, la politica europea, le vicende dei due marò, l'immigrazione, le case chiuse. In ottobre si eleggeranno, ancora dal basso, i coordinatori provinciali e regionali.

a cura della redazione

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK