Arezzo può festeggiare il salvataggio dei corsi di laurea sanitari

Gli ultimi dubbi sono svaniti con l'integrazione del bando di ammissione: rimane la sede di Arezzo I Popolari per Arezzo sottolineano il comune impegno di studenti, cittadini, Asl8 e istituzioni

| di Lucrezia Lombardo
| Categoria: Politica
STAMPA

Con l'inizio dell'anno accademico ormai alle porte, Arezzo può definitivamente festeggiare il salvataggio dei propri corsi di laurea nelle professioni sanitarie. Gli ultimi dubbi sono svaniti con la pubblicazione dell'integrazione al bando di ammissione ai corsi di Infermieristica, Tecniche di Laboratorio Biomedico e Fisioterapia che lascia agli studenti la possibilità di esprimere "la propria preferenza alla frequenza dei corsi nelle città di Siena, Arezzo e Grosseto, specificando l'ordine di gradimento". Questo passaggio rappresenta una rettifica rispetto al bando originale che non consentiva la scelta delle sedi didattiche e che lasciava quanto mai vaga l'ubicazione delle lezioni, mantenendo aperti i dubbi sul futuro dei corsi sanitari ad Arezzo e sul loro possibile trasferimento a Siena. L'attuale modifica, invece, permette a tutti quegli studenti aretini che negli ultimi giorni hanno superato le prove di ammissione di poter indicare come sede la loro città e di evitare così lunghi anni di viaggi verso l'ateneo senese. Particolarmente soddisfatti di questo risultato sono i Popolari per Arezzo che, nel corso dell'intera estate, sono stati in prima linea nelle sedi istituzionali e al fianco del comitato studentesco per difendere l'università aretina. Il capogruppo Luigi Scatizzi è stato il primo ad avanzare la problematica da un punto di vista politico presentando numerose interrogazioni in consiglio comunale, mentre gli studenti si sono fatti promotori di una serie di iniziative come la raccolta di 3.300 firme, l'incontro con il governatore regionale Enrico Rossi e alcune manifestazioni pubbliche. Questo impegno ha trovato consenso e sostegno da parte dell'intera cittadinanza, dell'amministrazione comunale e della Asl8 che, insieme, si sono fatti promotori di una campagna che ha permesso di mantenere ad Arezzo i corsi di laurea sanitari e di garantire il percorso universitario in città per i 225 studenti iscritti. «Abbiamo ottenuto un risultato oltre ogni aspettativa - commenta Giovanni Grasso, vicepresidente dei Popolari per Arezzo. - All'inizio di questa battaglia, considerando l'intenzione di Siena di portare nelle proprie sedi le lezioni sanitarie, era difficile prevedere il pieno mantenimento dei corsi ad Arezzo. Ringraziamo il direttore generale della Asl8 Enrico Desideri, il presidente del consiglio comunale Luciano Ralli, gli studenti e l'intera cittadinanza perché tutti insieme abbiamo dimostrato come lavorando con continuità e con unione di intenti sia possibile contribuire al bene di Arezzo e dei suoi abitanti».

Lucrezia Lombardo

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK