Ammanco al Comune di San Giovanni: un dipendente ha dato le dimissioni, l'altro trasferito

Verifiche avevano smascherato due transazioni nel conto della madre di uno degli impiegati

| Categoria: Valdarno
STAMPA

Sviluppi nella vicenda dell'ammanco di 30mile dalle casse del comune di San Giovanni. Uno dei dipendenti, finiti nell'occhio del ciclone,  si è dimesso spontaneamente, l'altro invece è stato trasferito ad altra mansione.

L'episodio risale al 28 novembre scorso quando il sindaco Maurizio VIligiardi nel consiglio comunale, prima, con una seduta secretata, e la mattina successiva, poi, in un conferenza stampa rese noto che due dipendenti del comune erano i protagonisti di un ammanco dalle casse del comune. I controlli per l'assestamento di bilancio avevano evidenziato due diversi transazioni in favore del conto corrente della madre di uno dei due. A entrambi furono date le ferie cautelative. Intanto scattò subito anche la denuncia alla procura.

Ora uno dei due dipendenti, entrambi con contratti a tempo indeterminato, ha rassegnato le proprie dimissioni. L'altro è stato trasferito, con una determina del 12 dicembre, dall'area III Supporto “Servizio Finanze e contabilità “ all’Area II Tecnica- “Servizio Manutenzioni”.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK