Cgil Valdarno: iniziano le assemblee congressuali

Ghiandelli "Progettiamo i prossimi 4 anni"

| Categoria: Valdarno
STAMPA

Sono iniziate le assemblee di base della Cgil in vista del congresso provinciale con l'obiettivo di “ricominciare dal lavoro”.

“Faremoassemblee in tutti i luoghi di lavoro e parleremo con i pensionati in ogni frazione del nostro territorio – dichiara Andrea Ghiandelli, responsabile della Camera del Lavoro del Valdarno – per confrontarci e discutere con le nostre ed i nostri iscritti ed i lavoratori in modo da portare il contributo del Valdarno alla Cgil. Opinioni che ci auguriamo possa servire al sindacato per definire la piattaforma che farà da filo conduttore a tutte le iniziative che la Cgil intraprenderà nei prossimi 4 anni.”

“Ricominciaredal lavoro – afferma Andrea Ghiandelli – non è un semplice slogan ma un dato di fatto. Purtroppo anche nel Valdarno sia grandi marchi che aziende di rilievo di questo territorio, hanno deciso di delocalizzare o ancora peggio, di vendere i propri stabilimenti dopo aver magari anche usufruito sotto varie forme degli aiuti di Stato e così facendo invece di redistribuire sul territorio un po' di ricchezza, intascano gli utili”.

Con ladiscussione congressuale, la Cgil vuole portare idee per il confronto con quegli imprenditori privati che con coraggio e nel rispetto della legalità continuano ad investire in Valdarno valorizzando il settore manifatturiero. Non a caso molte firme della moda sono presenti in questo territorio, con una punta di eccellenza che da più di un decennio sta favorendo lo sviluppo economico. Il nostro sindacato vuole essere di supporto per il settore della cooperazione che da tempo sopperisce al ruolo del Pubblico anticipando ingenti somme, cosa che dovrebbe fare il sistema bancario, in modo da permettere agli Enti Locali ed al Servizio Sanitario di proseguire gli interventi nel campo del sociale. Nel settore edile il sistema delle cooperative sta permettendo al Valdarno di portare a termine infrastrutture indispensabili per il rilancio del territorio, facendosi carico di subentrare ad aziende che dal Valdarno hanno ricevuto risorse e sono sparite nel momento della redistribuzione delle stesse,ponendosi anche come argine alle infiltrazioni malavitose.

“In questa fase in cui la crisi è ancora molto forte – conclude il responsabile della Camera del Lavoro del Valdarno – la Cgil con il suo congresso vuole essere di stimolo per il rilancio del Paese che può avvenire solo con il lavoro attraverso imprese affidabili che non rinunciano al confronto con il sindacato, e che insieme potranno garantire un salario dignitoso, tutele e diritti ai lavoratori e di conseguenza quella tranquillità che ci potrà permettere di ricominciare a guardare con fiducia al futuro”.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK