La Vague, musica e lustrini al Teatro di Anghiari

Nuovi appuntamenti con il Festival "I grandi appuntamenti della musica"

STAMPA

Proseguono gli appuntamenti con il Festival "I grandi appuntamenti della musica". Al Teatro di Anghiari, nell’arco della prima settimana di dicembre che sarà interamente occupata dal Festival, si esibirà – per la prima volta qui ad Arezzo e provincia – La Vague, quel “duo terremoto tutto lustrini e paillettes che suona come un mare in tempesta e sul palco scalcia e galoppa come un cavallo di razza”: le loro performances sono un originale cross-over fra musica, teatro e arte performativa. Gruppo in continua evoluzione, si modella sulle esperienze di Francesca Pirami, cantante e attrice, e Alessandro Corsi, bassista-contrabbassista. Un duo basso e voce, arricchito da un universo di strumenti come la melodica, il kazoo, la mbira, la slide guitar, stomp-box guitar, e di ingegnose apparecchiature fatte a mano come i "rumorofoni".  La Pirami, autrice dei testi oltre che di molte composizioni, è regista, scenografa e costumista del concerto-spettacolo “Cabaret Electric” e dei videoclip del gruppo.  Corsi, invece, compone e arrangia i brani, realizzando anche i vari strumenti elettronici originali (Teatro Comunale dei Ricomposti di Anghiari, 2 dicembre ore 18).
Ancora giovani, stavolta aretini e provenienti dalle esperienze musicali più disparate: sono Matteo Cassi, Andrea Guerrini, Filippo Giusti e Giovanni Fabiani, gli Erucaliphus, che presenteranno lo spettacolo “Musica proibita”, commissionato dal Festival, unione dei generi più diversi compattati in modo originale e spazianti dalle musiche di Bartok a quelle di Beethoven, dai Pink Floyd a quelle degli stessi Erucaliphus (Teatro Comunale dei Ricomposti di Anghiari, 7 dicembre ore 21).

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK