Alla scoperta dell'Africa attraverso i Diari di Pieve

Le esperienze degli italiani nel continente nero al centro del nuovo numero di "Primapersona"

STAMPA
Pieve Santo Stefano città del diario

Le storie autobiografiche di italiani in Africa, dal colonialismo agli anni Ottanta, e i racconti degli incontri culturali maturati da queste esperienze sono alcuni dei temi del nuovo numero di ''Primapersona'', rivista semestrale dell'Archivio diaristico nazionale diretta da Anna Iuso. Intitolata ''Oltre l'Africa'', la pubblicazione e' dedicata alla scoperta del continente africano attraverso storie tratte dai diari e dalle memorie conservate nell'Archivio di Pieve Santo Stefano. Testi che raccontano pezzi della Grande Storia dal punto di vista di persone comuni: come le ore del colpo di stato di Gheddafi in Libia, nella notte tra il 31 agosto e il 1 ottobre 1969, oppure l'arrivo di italiani negli anni Trenta nelle colonie o le esperienze di alcuni cooperanti (negli anni Ottanta) nel cuore del continente, in Paesi poverissimi. In primo piano l'incontro tra civilta' profondamente diverse. Un viaggio nella storia e nelle diverse culture che segue due direzioni: da un lato, ad esempio quella degli emigranti che sbarcano a Lampedusa (di cui rende conto il contributo di Gianluca Gatta) o che costruiscono narrazioni per richiedere asilo allo Stato italiano, come spiega Barbara Sorgoni; dall'altro quella degli italiani che in Africa ci sono andati da colonizzatori e oggi ci tornano per realizzare e portare avanti progetti di cooperazione.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK