Dagli applausi agli insulti: la parabola di Severini

Due anni tormentati alla guida dell'Arezzo. Dalla fiducia iniziale alla frattura finale

| di Andrea Lorentini
STAMPA

Due anni fa, proprio in questi giorni, Gino Severini diventava presidente dell’Arezzo.  L’empatia con la piazza fu immediata, nonostante la matrice romana della nuova proprietà. Una fiducia ripagata con i fatti:  salvezza ottenuta in anticipo dopo una rimonta poderosa della squadra, grazie anche agli investimenti sul mercato del gruppo romano.  E a fine campionato il presidente andò a prendersi gli applausi sotto la curva.
Ma proprio da quel momento la parabola di Severini ad Arezzo ha cominciato una lenta fase discendente. Dapprima i contrasti con l’amministrazione comunale sulla convenzione dello stadio (firmata in extremis, e senza troppa convinzione, qualche giorno prima delle elezioni), poi la grana dei campini dell’antistadio e la lunga querelle con la famiglia Funghini, proprietaria dei terreni. Nell’autunno 2011 il nuovo fronte caldo con il comune a causa della mancanza di campi di allenamento. Severini minacciò ripetutamente di andarsene. E ancora, il taglio degli stipendi, il campionato perso contro il Pontedera, i dissidi con i soci.
Nel mezzo l’illusione del Villaggio amaranto. Una piccola quiete, prima della tempesta finale.
Due anni fa Severini si presentava alla città con tutti i soci al fianco, la garanzia tecnica di Abel Balbo e Zingaretti nelle vesti di uomo immagine. Due anni dopo, deve uscire scortato dalla polizia fuori dallo stadio tra gli insulti dei tifosi. Solo e chiuso nel suo silenzio.
Dagli applausi agli sputi. Ce l’avessero detto due anni fa non ci avremmo creduto.

Andrea Lorentini

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK