Fatte venire in Italia con un lavoro da baby sitter e gettate in strada

Indagine senese approda ad Arezzo, arresti

| di Ansa
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Sgominata dalla Polizia una vera e propria organizzazione criminale che reclutava giovani donne dell’Est Europeo attirate in Italia con la promessa di un lavoro “pulito” come cameriere o baby sitter ma  in realtà indotte, con violenza e minacce, a prostituirsi per le strade della immediata periferia di Siena, in località Colonna del Grillo. Tre persone, due uomini e una donna, di 27, 37 e 38 anni, tutte di nazionalità rumena, sono state arrestate a seguito delle indagini condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Siena, diretta dal Vice Questore Aggiunto Sabatino Fortunato, coordinate dal Sostituto procuratore Distrettuale presso il Tribunale di Firenze Angela Pietroiusti. Altri 4, un italiano, un rumeno e due donne sue connazionali sono state, invece, denunciate per i reati di tratta di persone, aggravata e continuata in concorso, riduzione in schiavitù e induzione, sfruttamento e favoreggiamento aggravato della prostituzione. Gli arresti sono stati eseguiti dagli investigatori della Polizia all’alba, con un blitz effettuato nelle abitazioni degli indagati in territorio aretino, ai confini con la provincia di Siena, su esecuzione di un ordine di custodia cautelare emesso dal GIP del Tribunale fiorentino. In particolare, dalle indagini avviate alla fine del mese di agosto del 2011 nell’ambito delle attività di contrasto al fenomeno della prostituzione e portate avanti con l’operazione “Colonna”, dal nome della località ove le giovani  svolgevano il meretricio - nel comune di Castelnuovo Berardenga in provincia di Siena - è emerso che l’organizzazione criminale capeggiata da Marius Danut Marsolea, rumeno di 38 anni,  allettava le ragazze bisognose di denaro e alla ricerca di un lavoro, promettendo loro un mestiere dignitoso che, poi, tale non si rivelava. Una volta giunte in Italia, infatti, con la complicità dei connazionali, Adrian Florin Francinescu, 37 anni, e Monica Mihaela Alexa, 27enne, il Marsolea requisiva loro documenti e cellulari, in modo da avere le giovani donne sotto controllo, per poi indurle con violenza e minacce a prostituirsi, e accaparrarsi i proventi che erano ovviamente appannaggio dell’organizzazione stessa. I due uomini arrestati sono stati accompagnati al carcere di Arezzo, mentre la donna alla Casa Circondariale di Sollicciano a Firenze, tutti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ansa

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK