Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Acquistare un tagliaerba: come scegliere quello più adatto

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Che si debba sostituire quello che già si possiede o che non se ne possieda ancora nessuno, scegliere il tagliaerba è un compito che va svolto con una certa attenzione. Anche perché questo tipo di accessori per il giardino è fatto per durare nel tempo. In sostanza il tagliaerba acquistato oggi sarà quello che si dovrà utilizzare per molti anni a venire. Per la scelta è consigliabile tenere conto di alcune questioni, tra cui le dimensioni del giardino di cui ci si deve prendere cura; chi decide che non vorrà più chiedere aiuto ad un giardiniere, anche possedendo un appezzamento non eccessivamente ampio, dovrebbe valutare l’eventualità di acquistare un tagliaerba di tipo semiprofessionale, che lo potrà aiutare ogni volta che deve tagliare l’erba del tappeto erboso.

Diversi tipi di tagliaerba
Se anche tu devi scegliere questo strumento per il tuo giardino comincia dal passo giusto: scopri i tagliaerba disponibili in commercio. Attraverso una buona conoscenza di ciò che si può effettivamente acquistare, del costo medio e delle opportunità offerte dai tagliaerba si può scegliere in modo consapevole e attento. Pur esistendo decine di modelli diversi di tagliaerba, li possiamo riunire in tre categorie sostanziali: con motore a scoppio, con motore elettrico e cavo e con motore elettrico a batteria. I tagliaerba con motore elettrico e cavo di alimentazione sono solitamente modelli adatti per un uso sporadico, consentono di tagliare piccoli tappeti erbosi, con un’attività continua di breve durata. La potenza del motore non permette di tagliare l’erba molto alta, ma neppure le erbe infestanti con fusti duri e coriacei. I tagliaerba a batteria sono la novità degli ultimi anni, a parità di prestazioni tendono ad essere più costosi rispetto a quelli a scoppio; certo è che sono anche meno inquinanti e più silenziosi. Chi possiede un giardino posto tra le altre case dovrebbe prediligere questo tipo di tagliaerba.

Semoventi o a spinta
Questa è un’altra caratteristica dei tagliaerba: alcuni devono essere spinti dall’operatore, se lasciati a se stessi rimangono fermi in posizione, pur continuando l’attività della lama taglia erba; i modelli semoventi invece usano parte della potenza del motore per la trazione, quindi l’operatore li dirige, ma si muovono autonomamente. I modelli semoventi sono spesso quelli professionali, perché chi si trova a dover tagliare il tappeto erboso di un campo da calcio o di un parco e non possiede un trattorino deve avere a disposizione un buon aiuto alla spinta del tagliaerba. Perun giardino di dimensioni inferiori ai 500-1.000 metri quadrati anche i modelli a spinta possono essere adatti.

Le dimensioni della lama
I tagliaerba sono muniti di una lama, che ruotando permette di tagliare l’erba; più questa lama ha un diametro ampio e maggiore è l’area che si riesce a tagliare in una singola passata. Ovviamente a lame molto grandi corrispondono anche motori più potenti, in caso contrario sarebbe difficoltoso tagliare l’erba alta o piccoli arbusti ed erbe infestanti. Solitamente si preferiscono modelli con un buon equilibrio tra il diametro della lama e la potenza del motore, che garantiscono un buon lavoro in tempi brevi.

Il taglio dell’erba
Questa è un’altra caratteristica che diversifica tra di loro i tagliaerba. Questi attrezzi sono muniti di ruote ed è possibile alzare o abbassare la distanza tra la lama e il terreno. In questo modo si taglia l’erba molto bassa, come quella di un campo da golf, oppure leggermente più alta, come ad esempio nei pressi dei giochi dei bambini. Alcuni modelli offrono 3-5 livelli di altezza di taglio; i più moderni offrono anche la possibilità di effettuare il mulching: invece di raccogliere l’erba falciata in un grosso cesto, la sminuzzano finemente lasciandola ricadere sul terreno. In questo modo non si devono raccogliere gli sfalci e fungeranno da fertilizzante per il tappeto erboso.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK