Valigette alle neo mamme nei tre reparti di maternità della Asl8

Da un cd con le ninne nanne, ai consigli sull'allattamento, dalle informazioni per evitare la morte in culla, fino alla guida sui servizi

| Categoria: Sanità
STAMPA

Un cd con ninne nanne e musica adatta ai piccolissimi, l’opuscolo “Naturalmente mamma”, con i consigli pratici su come avviare e proseguire l’allattamento al seno, un body di cotone con il disegno di come mettere a dormire il neonato per una “nanna sicura”, dépliant informativi per il corretto utilizzo dei servizi. È il contenuto della nuova valigetta che da ieri viene consegnata al momento delle dimissioni alle neo mamme nei tre punti nascita della nostra provincia (Ospedali San Donato di Arezzo, della Gruccia a Montevarchi e del Casentino a Bibbiena), insieme al libretto pediatrico su cui i genitori possono annotare le informazioni di salute più rilevanti del proprio figlio. Sono in media 2.700 i bambini che ogni anno nascono nella nostra provincia. “Un’iniziativa, questa delle valigette, che testimonia l’attenzione e la sensibilità che la Regione Toscana ha sempre avuto verso il tema della nascita”, ha dichiarato l’assessore al Diritto alla salute della Regione Toscana Luigi Marroni. “L’iniziativa, già sperimentata e accolta positivamente quattro anni fa, rientra nel quadro delle azioni informative e di educazione alla salute nell’ambito materno infantile. La collaborazione del personale dei punti nascita sarà certamente preziosa per il buon funzionamento di questo progetto”. I consigli e le informazioni utili per la corretta gestione del neonato sono stati raccolti grazie al contributo della Fimp (Federazione italiana medici pediatri) toscana. Il dépliant finalizzato a dare corrette indicazioni per la prevenzione della sindrome della morte in culla, invece, è stato realizzato in collaborazione con l’associazione Semi per la Sids. La collaborazione con la Banca del latte materno ha permesso, infine, di presentare un importante servizio presente in Toscana e di promuovere anche la donazione a favore dei bambini più fragili. Il contenuto della valigetta è stato tradotto nelle lingue più rappresentate nel nostro territorio, e il materiale, nei prossimi mesi, sarà reso disponibile per le neomamme, e scaricabile anche nei siti web delle Asl e della Regione Toscana. “L’informazione e la prevenzione – ha commentato ancora l’assessore Marroni – anche nell’ambito materno infantile, giocano un ruolo fondamentale per produrre salute, e in particolare l’evento nascita permette di raggiungere culture diverse presenti sul nostro territorio”.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK