Il 10% della popolazione soffre di una malattia della tiroide, incontro al San Donato

L?endocrinologa Rossella Nassi illustrerà le funzioni di questo organi, cosa accade quando non funziona e quali sono le cure

| Categoria: Sanità
STAMPA

Nell'ambito dell’iniziativa "donne e... ", domenica prossima, 8 settembre, alle 18,00, presso l’Auditorium Pieraccini dell’Ospedale San Donato, la dr.ssa Rossella Nassi, responsabile della Endocrinologia a livello aziendale della Asl8, terrà una conferenza su “Donne e sistema tiroideo”. La serata è organizzata, oltre che dalla Asl8, da Confartigianato Donne Impresa.

Sono sei milioni gli italiani che soffrono di una malattia della tiroide. Negli ultimi 20 anni i casi di tumore sono nettamente aumentati, le malattie autoimmuni (come la tiroidite di Hashimoto) sono triplicate. Le donne soffrono di disturbi tiroidei da 5 a 8 volte più degli uomini.

La tiroide è una ghiandola importantissima che secerne vari ormoni. Quando non funziona a dovere (troppo o troppo poco) tutto l'organismo va in sofferenza. Contribuisce infatti a regolare i processi metabolici, la contrattilità cardiaca, il tono dei vasi, i livelli di colesterolo, il peso corporeo, la forza muscolare, il benessere di pelle e capelli, la vista, il ritmo delle mestruazioni, lo stato mentale e tanto altro.
Per funzionare bene la tiroide ha bisogno di iodio e nei casi di insufficiente apporto di questo elemento si possono avere manifestazioni cliniche diverse quali l'aumento del volume della tiroide (gozzo) e la formazione di noduli tiroidei. Questi sono nella grande maggioranza dei casi benigni, ma impongono al medico l'obbligo di escludere la presenza di una neoplasia maligna, che è la più frequente tra quelle del sistema endocrino e costituisce circa l'1% di tutti i tumori.
Quando la tiroide non funziona lo può fare per difetto o per eccesso. Le cause di un funzionamento per difetto sono diverse: carenza di iodio, malattie autoimmuni della tiroide, esiti di intervento chirurgico o assunzione di iodio radioattivo, gozzo e noduli tiroidei. L’ipotiroidismo è spesso non diagnosticato a causa di una sintomatologia aspecifica e spesso viene diagnosticato casualmente. La terapia dell’ipotiroidismo si basa sulla somministrazione di tiroxina levotiroxina.
Ma come nella maggior parte delle malattie, anche in questo caso la parola d'ordine è prevenzione. Le malattie tiroidee, se diagnosticate nella fase iniziale, possono essere trattate con successo. Un controllo specialistico e un esame del sangue possono prevenire le importanti complicanze cardiovascolari, ossee e metaboliche che anche una lieve disfunzione tiroidea, se non riconosciuta e adeguatamente trattata, può determinare.
I disturbi tiroidei crescono progressivamente nelle varie fasce di età, fino a raggiungere la massima diffusione nei 55-64 anni, specie per l'ipotiroidismo, per poi decrescere. In media una donna su otto sviluppa un disturbo di questo tipo nel corso della vita; dal 5 all'8% dei casi ciò avviene dopo una gravidanza.
Durante la gravidanza la tiroide è costretta ad aumentare di circa il 50% la produzione dell’ormone tiroideo dal momento che il feto, fino alla 12esima settimana, è privo di una sua tiroide ed è la mamma a dover supplire e trasferire, oltre allo iodio assunto con gli alimenti, la quota di ormone necessaria alla crescita e garantire lo sviluppo del sistema nervoso centrale. Tutte le tappe dello sviluppo del sistema nervoso centrale, da quelle più precoci a quelle più tardive sono sotto il controllo degli ormoni tiroidei prima materni e poi materni e fetali. Quindi prima di iniziare una gravidanza il consiglio è di assumere iodio in quantità sufficiente e di verificare il buon funzionamento della tiroide per garantire al bambino un apporto di iodio e ormoni tiroidei sufficienti all’armonico sviluppo del suo sistema nervoso e della sua intelligenza.
Lo screening ecografico della popolazione adulta rileva che dal 30 al 50% delle persone esaminate presenta noduli tiroidei. Sono più frequenti nel sesso femminile e nelle aree con deficit di iodio, anche se di grado lieve, come molte regioni dell’Italia. L’assoluta maggioranza dei noduli tiroidei è benigna e solo il 5% rappresenta un tumore.  L’uso del sale iodato, assunto fin dall’infanzia, costituisce la migliore prevenzione dello sviluppo di gozzo o di noduli tiroidei.

"Donne Impresa - commenta Erminia Romagnoli, Presidente del Movimento di Opinione di Confartigianato Arezzo - è ben lieta di sostenere questa iniziativa che, sebbene distante dalle tematiche che solitamente perseguiamo come movimento di opinione datoriale, evidenzia la volontà di porre l'attenzione sulle problematiche specifiche delle donne. Su questo obiettivo - prosegue Erminia Romagnoli - abbiamo intrapreso con la USL 8 un cammino comune in quanto quello che più ci interessa, che sia in ambito medico/sanitario o in quello lavorativo/imprenditoriale, è leggere la realtà delle cose con lo sguardo e la sensibilità dell'universo femminile.”

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK