Olmoponte, amichevole internazionale con la Corea del Nord

Si sfideranno ragazzi nati dal 2001 al 2003

| Categoria: Sport
STAMPA

Lunedì 30 Dicembre alle ore 15, presso il Luciano Giunti, l’impianto di Via del Verrocchio, si svolgerà un’ amichevole internazionale con una rappresentativa nazionale della Corea del Nord. La selezione asiatica forte di venti ragazzi nati dal 2001 al 2003, scelti nelle varie accademie calcistiche della Corea del Nord, incontrerà una squadra di pari età dell’Olmoponte. I ragazzi coreani si trovano in Italia,  grazie ad un accordo voluto dal primo ministro Nord Coreano e dai vertici della federazione calcistica Nord Coreana con l’International Soccer Management (ISM),  per uno stage di tre mesi guidato dagli istruttori  della ISM, Roberto Gnagnetti, Diego Roccaforte ed Alessandro Canesin con la supervisione dei responsabili tecnici dell’Empoli. L’obbiettivo  dichiarato è quello di far crescere tatticamente i giovani atleti, individualmente e come squadra, fornendo loro tutti gli insegnamenti tipici della scuola calcistica italiana ed europea.
I ragazzi che compongono questa selezione nazionale sono descritti come molto dotati tecnicamente, in particolare si parla di KIM  SIN IL, un 2002, come di un piccolo Pirlo, mentre il mancino KIM WI SONG viene descritto come un autentico virtuoso, un furetto imprendibile nella fascia.
La selezione è accompagnata da due tecnici della federazione coreana, PAK CHUNG HYOK  allenatore molto conosciuto in patria e dalla  ex calciatrice RI KUM SUK . La Corea del Nord, fa ormai parte della nostra storia calcistica ed è, purtroppo,  sinonimo, per il nostro calcio, di disfatta. La memoria inevitabilmente ci riporta a quel nefasto 19 Luglio 1966, quando la sconosciuta, all’epoca, nazionale asiatica, ci castigò eliminandoci dal mondiale inglese con una rete del mai sentito fino allora Pak Doo-Ik.
La valenza di questa amichevole non sarà pari alla diplomazia del ping pong che nell’Aprile del 1971 cambiò per sempre i rapporti fra USA e Cina, aprendo il grande paese asiatico al consesso  internazionale, ma è la dimostrazione di come anche il paese guidato dal presidente  Kim Jong-un è attento al mondo occidentale e di come lo sport può essere ancora strumento di pace e di conoscenza fra i popoli.  I ragazzi coreani saranno ospiti di Arezzo dalla mattina di lunedì per una visita delle nostre bellezze storiche, artistiche ed architettoniche , la giornata si concluderà dopo la partita con un piccolo rinfresco offerto nella sede dell’ Olmoponte.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK