Matteo Trippi, dopo la maglia tricolore, il sogno arcobaleno: "Punto al mondiale" INTERVISTA

Il18enne castiglionese la nuova stella del ciclismo aretino e nazionale

| di Andrea Lorentini
| Categoria: Sport
STAMPA

“E’ stata una gioia immensa anche perché non me l’aspettavo. Quando non pensi di vincere e poi succede è ancora più bello” Il giorno dopo la conquista del titolo italiano juniores, Matteo Trippi è la felicità dipinta persona. Al cellulare la voce arriva squillante, mentre è sulla via del ritorno a casa.  A 18 anni è la nuova stella del ciclismo aretino e nazionale. Nato a Castiglion Fiorentino (stesso paese di Daniele Bennati, ndr), corre per la Fosco Bessi di Calenzano e ha come punto di riferimento Eros Capecchi, l’ultimo aretino prima di lui a vincere il campionato italiano. Con Matteo abbiamo rivissuto l’emozione tricolore, mentre all’orizzonte già intravede un sogno arcobaleno.
Matteo, qual è stato il momento decisivo ieri?
“Ai -8km dall’arrivo sono rientrato sulla fuga, poi ai -3 Raggio ha provato ad anticipare e siamo andati via in due e  l’ho battuto in volata”.
Non  te l’aspettavi?
“Sapevo di avere una buona condizione, ma vincere un campionato italiano non è mai facile. Il lotto di partenti era di assoluto rilievo. Non ero tra i favoriti, ma ieri sono stato il più forte”.
E adesso?
“Adesso viene il bello”
A settembre c’è il mondiale a Firenze…
“Appunto. Diventa l’obiettivo. Il commissario tecnico mi ha fatto capire che la convocazione è quasi certa, ma dovrò comunque dimostrare di meritarla. Il finale di stagione sarà improntato al mondiale”
Quale sarà il programma di avvicinamento alla gara iridata?
“Disputerò corse nazionali ed internazionali tra cui il Giro del Veneto”
Per chi non ti conosce, quali sono le tue caratteristiche?
“Sono un corridore completo. Vado bene soprattutto in salita”
Quindi sei adatto per un mondiale dura come quello di settembre?
“Direi di si”
Ti ispiri ad Eros Capecchi, perché?
“Perché è anche lui di queste zone e perché mi piace il suo modo di correre. Qualche volta ci alleniamo insieme”
Che consigli ti dà?
“Di restare umile”
Umile si, ma con licenza di sognare. E allora aspettiamo Matteo sul traguardo di Firenze. In fondo, come dice lui stesso, le vittorie più belle sono proprio quelle che non t'aspetti.

MATTEO TRIPPI NUOVO CAMPIONE ITALIANO JUNIORES

Parla aretino il campionato italiano juniores di ciclismo. Matteo Trippi, 18 anni, di Castiglion Fiorentino ha conquistato la maglia tricolore nella prova in linea che si è disputata questo pomeriggio ad Appiano Gentile, in provincia di Como.
Trippi, che corre per la Fosco Bessi di Calenzano, ha anticipato tutti e ha tagliato il traguardo a braccia alzate. A completare il podio Luca Raggio (Casano Dilettantistica) e Giacomo Garavagli (Busto Garolfo). Un successo, il più importante della sua ancora giovane carriera, che lo consacra come uno dei giovani più interessanti del panorama ciclistico italiano.

ORDINE D’ARRIVO Memorial Valerio Zeffin (valido per il campionato italiano juniores) di Km. 136,200 percorsi alla media di 42,770
1° TRIPPI MATTEO  (A.C.FOSCO BESSI CALENZANO)
2° RAGGIO LUCA  (U.C. CASANO A. S. DILETTANTISTICA)
3° GARAVAGLIA GIACOMO  (A.S.D. S.C. BUSTO GAROLFO) a 11"
4° MONTAGNOLI ANDREA  (A.S.D.TEAM PALMA ECOLOGIA CIPRIANI & GESTRI )
5° TOMIO GIACOMO  (U.C. VALLE DI NON - A.S.D.)

Andrea Lorentini

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK