Scatta il Tour. La vigilia di Bennati: "Sarò scudiero di Contador, ma proverò a vincere una tappa" L'INTERVISTA

Il "Pantera" è molto carico: "Sono in ottima condizione". I complimenti a Trippi per il titolo italiano juniores

| di Andrea Lorentini
| Categoria: Sport
STAMPA

Scortare Contador verso la maglia gialla e magari togliersi lo sfizio di un successo di tappa. Con questi presupposti Daniele Bennati è sbarcato in Corsica dove oggi prenderà il via l’edizione numero 100 del Tour de France. La Grand Boucle è l’obiettivo principale della stagione del “Pantera” e della sua squadra, la Saxo-Tinkoff. Il ds Riis l’ha scelto per la sua esperienza: dovrà proteggere il fuoriclasse spagnolo nella tappe più insidiose, ma avrà la libertà laddove la corsa lo permetterà. 
Dalla Corsica, il 32enne corridore di Castiglion Fiorentino ci racconta la sua vigilia.

"Daniele, com’è la condizione?

“Sono molto motivato e mi presento a questo Tour con una condizione ottima dopo un inizio di stagione difficilissimo”

Sarà il Tour del Centenario, cosa significa essere tra i protagonisti?

“Partecipare al Tour e' sempre una bellissima emozione e quest'anno lo e' ancora di più essendo la 100 esima edizione”

Che ruolo avrai in squadra?

"Quello di supportare Alberto quando mi sara' possibile, ma sono comunque pronto a qualsiasi soluzione.Se la squadra me lo chiederà cercherò di fare bene anche in qualche tappa"

Prevedi un duello ristretto Contadoor-Froome, o pensi che qualche altro corridore porà inserirsi nella lotta per la maglia gialla?

“Oltre a Contador e Froome ci metterei anche Rodriguez, Valverde, Evans"

Sei molto amico di Jovanotti. Di recente in Gazzetta avete regalato un bel duetto. Quali canzoni di Lorenzo ascolti quando sei alle corse?

"Lorenzo e' una vera forza della natura e' un artista straordinario ed una persona dalle mille risorse, un piacere stare ad ascoltarlo. Ascolto tantissime sue canzoni ce ne sono veramente tante e bellissime difficile dire quale sono le mie preferite, sono tante".

Cosa ne pensi di un altro castiglionese, Matteo Trippi, che si sta facendo strada a livello giovanile vincendo il titolo italiano juniores?

"Fa piacere che Castiglion Fiorentino continui a sfornare atleti di valore come Trippi, vincere il campionato italiano juniores e' davvero un risultato bellissimo che da lustro anche a tutta la provincia. Complimenti a Trippi"

Andrea Lorentini

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK