Ferretti: "Sono deluso, ma Mezzanotti non si tocca. Se affondiamo lo facciamo tutti insieme"

Il presidente blinda anche Diomede: "Non arriverà un altro ds. Rinforzi? Penso ce ne sia bisogno"

| di Andrea Lorentini
| Categoria: Sport
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Sono abituato a dire sempre quello che penso. Anche se abbiamo vinto, oggi la squadra non mi ha convinto. Non sono contento della prestazione”. Mauro Ferretti è il primo a presentarsi di fronte ai giornalisti nel dopo partita di Arezzo-Deruta. Lui di solito riluttante a taccuini e microfoni stavolta gioca d’anticipo. “Mi chiedete perché non giochiamo bene? La risposta la deve dare chi è deputato alla parte tecnica”. Parole che sembrano aprire scenari cupi intorno all’allenatore. E’ lo stesso Ferretti, però, a stoppare qualsiasi voce di cambio in panchina: “Mezzanotti e l’intero management hanno la mia totale fiducia. Se affondiamo, affondiamo tutti insieme, me compreso”. Poi insiste: “Tanto per essere chiari. Un nuovo direttore sportivo non arriverà e non è una possibilità che ho valutato”. Quindi l’affondo: “L’Arezzo è mio e dato che sono il padrone e metto i soldi decido io su tutto”.  Gli chiedono del mercato: “Ritocchi? Penso che l’organico abbia bisogno di  qualche miglioramento. Vedremo di intervenire”. Non manca un attacco alla stampa accusata di fomentare le polemiche e infine, guardando la classifica ammette: “ A questo punto del campionato mi sarei aspettato che l’Arezzo fosse primo o secondo”. I conti non tornano nemmeno al presidente.

IL VIDEO: Mauro ferretti in conferenza stampa

Andrea Lorentini

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK