Partecipa a Arezzo Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Mezzanotti: "A Morgia non rispondo. Ci mancano dei rigori" - FOTO

Contro la Flaminia vittoria obbligatoria: "Dobbiamo continuare a creare come stiamo facendo"

Condividi su:
Andrea Lorentini

FOTOGALLERY

Vigilia di Flaminia-Arezzo.  La trasferta in terra laziale diventa delicata, dopo due pareggi consecutivi, l’Arezzo è obbligato a vincere: “Sono abituato a guardare molto il risultato del campo – spiega Mezzanotti nella consueta conferenza del sabato-  Però contro Pianese e Montemurlo potevano vincerle entrambe. Dobbiamo continuare a creare come stiamo facendo. Dobbiamo vivere alla giornata e pensare domenica dopo domenica"
Sull’avversario: “La Flaminia è una squadra giovane che corre tanto. Pratica un 4-3-3. E’ la classica formazione di categoria. Per vincere dovremo giocare meglio di loro. Servirà più la sciabola che il fioretto. Voglio vedere il piglio giusto”.
Per quanto riguarda la formazione mancheranno Carminucci, squalificato, e Labate, infortunato. Mezzanotti rilancerà Bellavigna e Ruggeri cambiando la coppia di terzini. In attacco rientrerà Essoussi.
Sulle polemiche arbitrali innescate dalle dichiarazioni del tecnico della Pistoiese Morgia, Mezzanotti taglia corto:  “A Morgia non rispondo. Non mi sentirete mai parlare degli altri. Se vogliamo essere pignoli a noi hanno annullato due reti regolari (Scandicci e Sansepolcro) e domenica non ci hanno dato tre rigori. Semmai ci manca qualcosa. Il presidente si è lamentato degli arbitraggi? Lui è il proprietario e può dire e fare ciò che vuole. Se l’ha fatto è per il bene dell’Arezzo”.

Il discorso scivola sul portiere: "Con David ci ho parlato. Sa che ha sbagliato. L'importanre è che riparta subito con la giusta mentalità e rabbia"

Postilla su Quadrini e Martinez: "Daniele è in crescita. Haracio ha bisogno del gol. Sta facendo un grosso lavoro per la squadra. I suoi movimenti sono preziosi"

Condividi su:
Andrea Lorentini

Seguici su Facebook