L'Avis di Lucignano sostituisce il pranzo con il rinfresco e dona il risparmio alle famiglie bisognose

In occasione della IV giornata del donatore

| di Osvaldo Tavarnesi
| Categoria: Valdichiana
STAMPA

Anche quest'anno, domenica 13 ottobre, l'Avis di Lucignano torna all'attacco, con la sua "IV Giornata del Donatore", per diffondere sempre di più l'importanza della donazione del sangue anche nel paese dell'amore. Quel sangue che ci fà vivere e che donandolo soltanto una minima parte, può contribuire a salvare un'altra vita umana. E' un pensiero questo che non può non fare riflettere e rimanere inascoltato da tutti coloro che lo possono donare. Regalo migliore a noi stessi ed agli altri non può essere fatto. Domenica 13 ottobre è un'occasione speciale per un gesto solidale che non può che arricchire chi lo fa e renderlo partecipe del proprio prossimo. Quale migliore auditorio, se non quello giovanile, può recepire e diffondere la cultura dell'Avis che ha il solo scopo di permettere ad altri di vivere con l'aiuto dei propri simili. L' attivissimo presidente dell'AVIS sez. di Lucignano, Fausto Meacci, su decisione unanime dell'intero Consiglio, ha "sostituito" il pranzo sociale con un piccolo rinfresco e le risorse risparmiate( 2500,00 euro) verranno utilizzate per contribuire a sostenere i bisogni di alcune famiglie di Lucignano che in questo momento si trovano in particolari difficoltà anche per affrontare le spese scolastiche dei propri figli. Questa importante Associazione, nata 8 anni, non ha cercato soltanto, anche se con grande vigore, di sensibilizzare la popolazione alla Donazione del Sangue riuscendo ad arrivare al considerevole numero di donatori di 130 Unità, con un un numero di donazioni annue superiori ai 200, ma di dare un sostegno alla comunità lucignanese nelle sue più varie forme. Infatti, anche l'anno scorso è stato donato un defibrillatore che è stato posto a Porta S. Giusto.  Questa carica umana vitale e trascinante di questo emerito Consiglio può fare da traino a tutte le fasce di età e "seminare" la cultura di quell' atto di altruismo che è la donazione del sangue. In un mondo che invecchia sarà sempre più importante avere anche una gioventù caratterizzata dalla sua solidarietà verso il prossimo, divenendo linfa vitale per un futuro migliore.

Osvaldo Tavarnesi

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK