Partecipa a Arezzo Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Comune unico Pian di Scò-Castelfranco: vince il SI con il 56%

La maggioranza dei cittadini favorevole alla proposta di fusione

Condividi su:

Con il 56,59% dei Si i cittadini di Castelfranco e Pian di Scò hanno decretato la vittoria della proposta di fusione tra i due comuni.
Nel comune di Pian di Scò ha prevalso il Sì con il 52,66%, contro il No al 47,34%. Decisivi i voti raccolti nei seggi di Faella, dove il sì ha prevalso con percentuali fino al 75%. Anche a Castelfranco vittoria del SI con 947 voti pari al 61,02%. Il No ha raccolto 605 consensi pari al 38,98%.
Trattandosi di referendum consultivo, non era necessario il raggiungimento del quorum.

Questi i dati definitivi sull'affluenza:: a Casstelfranco hanno votato 1.569 cittadini, pari al 60,74%. A Pian di Scò, invece, 1.763 cittadini, per una percentuale del 34,01%.

Seggi  aperti domenica 21 e lunedì 22 a Castelfranco e Pian di Scò dove i cittadini sono chiamati alle urne per pronunciarsi sulla fusione del Comune Unico. Si vota domenica dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15, negli stessi seggi in cui si svolgono le elezioni politiche ed amministrative. Per votare occorre portare con sé la tessera elettorale ed un documento di identità valido. Al referendum potranno votare tutti i cittadini residenti nei comuni che abbiano compiuto 18 anni, ma anche i comunitari, gli extracomunitari e gli apolidi che abbiano fatto domanda.

Ecco il quesito:

“Siete favorevoli alla proposta di istituire il Comune di Castelfranco Piandiscò per fusione dei Comuni di Castelfranco di Sopra e Pian di Scò di cui alla Proposta di legge n. 184 (Istituzione del Comune di Castelfranco Piandiscò per fusione dei Comuni di Castelfranco di Sopra e Pian di Scò )?”.

Votando sì, il cittadino appoggia la proposta di fusione; votando no, invece, la respinge. Trattandosi di referendum consultivo, non è necessario il raggiungimento del quorum.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook