Cinquantenne salvato in tre minuti dai volontari dell'ambulanza di Cavriglia

Colpito da arresto cardiaco è vivo grazie alla nuova organizzazione della emergenza territoriale

| Categoria: Valdarno
STAMPA

Se esistesse un registro delle vite umane salvate grazie alla creazione di una “rete” in più possibile efficiente della emergenza territoriale, da oggi ci andrebbe messo anche il nome e cognome di un cinquantenne di Cavriglia.
Si tratta di R.M., tecnico della Asl 8. Mentre era tranquillamente in casa improvvisamente ha avuto un malore (si saprà poi essere la sindrome di Brugada, cioè un infarto che giunge senza alcun preavviso in soggetti sani). La moglie (infermiera), ha avvisato il 118. La centrale le ha dato indicazioni sulle azioni da compiere mentre attivava i suoi mezzi.
L’automedica, entrata in funzione una settimana fa in Valdarno, in quel momento era impegnata per curare un soggetto  che aveva avuto uno choc anafilattico a Ponticino, troppo lontano per poster intervenire nei tempi necessari a Cavriglia.
All'abitazione dell’uomo è stata inviata la ambulanza Blsd in servizio a Cavriglia, una delle novità avviate proprio in questi giorni, e chiesto alla vicina Asl 10 di Firenze di inviare anche una ambulanza con il medico dall’ospedale di Figline, distante pochi chilometri (e pochi minuti).
Sono stati i volontari dell’ambulanza di Cavriglia, formati assieme ad altri 600 loro colleghi dell’intera provincia di Arezzo, a giungere in casa di R.M. in tre minuti e ad attivare su indicazione della centrale 118 la defibrillazione. Azione che ha fatto ripartire il cuore dell’uomo, mentre sul posto giungeva il medico di Figline. A quel punto l’uomo è stato stabilizzato e portato alla rianimazione del Valdarno. Le sue condizioni sono ancora serie, ma stabili.
La ricostruzione di questo intervento dimostra – sostiene la Asl -  come nel territorio sia necessario programmare una attività di sorveglianza, di presenza e di flessibilità. I volontari in grado di defibrillare saranno 90 volte su 100 piu vicini di un mezzo con infermiere o medico. Una'ambulanza anche di un’altra Asl interverrà prima di una nostra nelle zone di confine”.
Gli ospedali inseriti nel “progetto cuore” per la cura di un paziente in arresto cardiaco, consentirà di ridurre mortalità e morbilità.
Ultimo ringraziamento alle comunità come quella di Cavriglia che si è attivata mettendo nel suo territorio una serie di defibrillatori.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK