Pieve, la minoranza diserta per protesta il Consiglio comunale

Atto contro il sindaco e Giunta. Il gruppo afferma di "non si sente garantito dagli organi preposti alla tutela della legalità

| Categoria: Valtiberina
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Gruppo consiliare di minoranza "Pieve per Valtiberina Democratica", per protesta nei confronti del Sindaco, della Giunta e del Segretario comunale, ha deciso di non prendere parte ai lavori del Consiglio Comunale di venerdì 1 febbraio poiché non si sente garantito dagli organi preposti alla tutela della legalità. In più di una occasione la minoranza ha rilevato la presenza di atti non conformi alle leggi vigenti richiedendone l'annullamento e puntualmente o non è arrivata risposta o l unica risposta arrivata è risultata insoddisfacente, perseverando nella produzione di atti non legittimi. Inoltre, nella serata di venerdì primo febbraio, il Segretario comunale, che dovrebbe tutelare tutti i Consiglieri comunali, non si è preoccupato neanche di comunicare pubblicamente le ragioni dell'assenza del Gruppo di minoranza, come invece gli era stato richiesto.

Questa che segue in allegato è la lettera di motivazione della protesta.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK