Sansepolcro diventa centro di residenza artistica toscana

Dalla Regione 90mila euro per l'area della ex Misericordia

| Categoria: Valtiberina
STAMPA

Più di 90mila euro all’anno per tre anni per realizzare nello spazio dell’ex Misericordia un centro per favorire la creatività degli artisti e la crescita dell’offerta di spettacoli a Sansepolcro. Il nuovo prestigioso edificio plifunzionale dedicato al teatro diventa presidio culturale dove si crea, si sperimenta e si fa formazione, per giovani talenti e artisti affermati, in una collaborazione virtuosa con le realtà culturali e sociali del territorio. E’ questo l’importante risultato che si è concretizzato attraverso l’accesso al finanziamento stanziato per la gestione dello spazio dedicato al teatro contemporaneo e alla sperimentazione da parte della Regione Toscana grazie alla partecipazione al bando con i progetti presentati da Capotrave/Kilowatt e Laboratori Permanenti in collaborazione con l’amministrazione comunale. In tutta la regione sono 21 i progetti ammessi al contributo, 45 le domande pervenute, di cui 34 ammesse a valutazione, per uno stanziamento complessivo triennale di 5.634.000 euro. Le domande sono state valutate da un nucleo di esperti, nominato attraverso avviso pubblico e composto da professionisti per le discipline dello spettacolo dal vivo ed economia della cultura, di rilievo nazionale, esterni al sistema toscano dello spettacolo. La valutazione qualitativa e quantitativa dei progetti ha riguardato il complesso delle attività, dalla produzione alla formazione, all’ospitalità, ma soprattutto la capacità di fare sistema con le altre realtà culturali presenti sul territorio, costruendo relazioni con le comunità di riferimento. “Questo ulteriore risultato raggiunto dimostra una grande capacità di progettazione in grado di competere a livello nazionale ed internazionale. Con l’apertura a Sansepolcro del nuovo Teatro Comunale della Ex Misericordia – spiega l’assessore alla Contemporaneità e vicesindaco di Sansepolcro Andrea Laurenzi -  le associazioni Laboratori Permanenti e Capotrave/Kilowatt avviano un percorso di residenza multipla, per collaborare insieme all’ apertura e partenza del nuovo teatro, con le proprie specificità. L’obbiettivo è quello di realizzare un centro culturale aperto alla città , che sia in grado di fornire risposte alle attuali richieste culturali del pubblico e in grado di stimolarne di nuove, momento di incontro tra artisti e luogo di elaborazione artistica, centro di studi teatrali. E’ questa una crescita culturale per tutta la città, partendo dall’espressione artistica come strumenti di crescita e coesione sociale, attraverso un polo culturale vivo e dinamico, aperto al territorio e alle nuove forme di espressione. ”

Le attività di Residenza Artistica Multipla organizzate da un team di gestione congiunto delle due associazioni culturali per il triennio 2013-2015 riguardano diversi ambiti operativi dedicati alla prosa, danza e musica: attività di ospitalità, di produzione e formazione teatrale, di promozione e comunicazione, di operatività dello spazio teatrale della ex Misericordia. “Le attività di Laboratori Permanenti – spiega Caterina Casini - sono volte a una visione del teatro come coesione sociale, costruzione di comunità, coinvolgendo nel percorso artistico anche soggetti svantaggiati. Il concetto di multidisciplinarietà è sviluppato in tutte le nostre attività, e si articola nei progetti e nelle collaborazioni. Il confronto tra realtà diverse e culture diverse è per noi una forma di conoscenza importantissima, applicata nel lavoro didattico con le nostre classi di teatro, nella organizzazione di residenze  internazionali e nazionali prestigiose che ospiteremo a Sansepolcro, nel lavoro delle nostre produzioni supportate da paternariati europei, nella realizzazione del progetto “Il Centro della Visione” in comune con Capotrave sulla formazione del pubblico.“ Tutto si concretizza a partire dalla Scuola comunale di teatro, al suo 11°esimo anno di attività, diventata punto di riferimento per chi si vuole avvicinare al teatro e per chi vuole intraprenderlo professionalmente, dal laboratorio di scenografia applicata, presso il Liceo Artistico biturgense che prevede la partecipazione degli studenti alla progettazione di scenografie e costumi, a stage di teatro e danza e laboratori di scrittura scenica e drammaturgia e seminari di approfondimento, per arrivare alle nuove produzioni della Compagnia Laboratori Permanenti, che vedranno la loro nascita ed evoluzione nel nuovo teatro, luogo di sperimentazione e di composizione di nuovi prodotti artistici. “Il progetto comune triennale di Residenza Multipla prevede anche il lancio di un’azione innovativa che ha a che fare con la formazione dello spettatore – aggiunge Luca Ricci di Capotrave/Kilowatt - Come ci avviciniamo a un’opera d’arte? Cosa vi cerchiamo? Più in generale, come guardiamo? Il Centro della Visione, l’altro aspetto dell’attività nei nuovi ambienti polifunzionali,  vuole dare risposte a queste domande mettendo in primo piano la dimensione dell’ascolto, proprio per imparare ad ascoltare, imparare a guardare. L’accesso al finanziamento dimostra che la gestione CapoTrave/Kilowatt e Laboratori Permanenti dà già i suoi frutti. E’ questa una notevolissima attestazione di stima per il lavoro che dal 2003 svolgiamo sul territorio, che contribuisce a conferire identità e vocazione allo spazio della Ex Misericordia come luogo di residenza e creazione di artisti, di scambio e coinvolgimento del territorio con persone  che rimarranno a Sansepolcro per creare, provare e mettere in scena il loro progetto. E’ un lavoro continuativo che ha ricadute anche a livello di formazione e occupazione giovanile e di indotto per diversi settori economici del territorio”. Capotrave/Kilowatt Festival è stato inoltre selezionato all'interno del programma interregionale di promozione dello spettacolo dal vivo denominato “Teatri del Tempo Presente” come soggetto attuatore per la Regione Toscana a capo di una rete che comprende anche il Teatro Metastasio di Prato e l'Associazione Aldes di Lucca. Il protocollo è stato sottoscritto dal MIBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo e dalla Regione Piemonte – Direzione Cultura, Turismo e Sport e vede la partecipazione di altre nove Regioni italiane: Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK