Fingono la scomparsa dei mariti per depistare i carabinieri

I carabinieri hanno comunque trovato i due che avevano rubato in un appartamento

| Categoria: Valtiberina
STAMPA

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Sansepolcro hanno denunciato in stato di libertà per furto un 26enne ed un 27enne,originari dell’Europa  dell’est, residenti in Valtiberina.

Il 12 agosto scorso un 67enne della Valtiberina aveva denunciato ai Carabinieri che ignoti, nella serata del giorno prima, previa effrazione, si erano introdotti all’interno della sua abitazione e gli avevano rubato del denaro in contanti, effetti personali ed alcuni oggetti in oro.

Le indagini immediatamente avviate dai militari dell’Arma facevano convergere i sospetti su due cittadini stranieri le cui mogli, avendo intuito che i Carabinieri erano sulle loro tracce, al fine di depistare le indagini, ne denunciavano falsamente la scomparsa. Ma i militari hanmo acquisito ulteriori elementi di prova nei confronti dei due che, vistisi alle strette, hanno deciso di presentarsi spontaneamente agli inquirenti per essere interrogati.

I due uomini sono stati pertanto denunciati per furto, mentre le loro mogli per procurato allarme.

Sempre i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Sansepolcro, nel corso di specifici servizi preventivi effettuati nel week end al fine di prevenire il fenomeno delle “stragi del sabato sera”, fermavano ad un posto di controllo un sudamericano di 20 anni, che veniva sorpreso alla guida della propria autovettura con un tasso di alcool superiore ai limiti consentiti. Per tale motivo il giovane veniva deferito all’autorità giudiziaria per guida sotto l’influenza dell’alcol.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK