Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Entella e Pro Vercelli aspettano il ripescaggio: cosa cambia per l’Arezzo?

| Categoria: Sport | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Il pareggio contro l’Olbia ha un po’ fermato la corsa dell’Arezzo, che, dopo la bella vittoria della settimana scorsa contro l’Albissola per 2-0, si era portato al secondo posto in classifica. Gli uomini di Alessandro Dal Canto si trovano ora, a un punto dal Piacenza, che però deve ancora giocare, con una lunghezza di vantaggio sul Pisa, anch’esso con una partita in meno. La partita a reti bianche contro l’Olbia ha, ancora una volta, confermato il trend dei toscani, che sono una squadra che concede poco, ma che ha anche un tasso di realizzazione molto basso. In otto partite, infatti, i ragazzi dell’ex tecnico della Primavera della Juventus, hanno messo a segno soltanto otto reti, subendone però addirittura quattro, cosa che fa della squadra granata la miglior difesa del torneo, dopo le squadre che hanno giocato molte meno partite, vale a dire Pro Vercelli ed Entella.

Qualcuno che si è appena collegato al “mondo del caos” potrebbe chiedersi perché squadre come l’Entella e la Pro Vercelli hanno giocato meno partite rispetto all’Arezzo. Beh, il motivo è molto semplice: non sanno ancora in che serie giocheranno. La Virtus Entella, dopo aver disputato il primo match e viste le risposte positive che ha avuto dal Tar del Lazio, ha deciso di non giocare più, perché convinta di poter essere ripescata in Serie B. La Pro Vercelli, invece, ha iniziato a farlo soltanto dal 30 settembre. Il nuovo pronunciamento del TAR ha dato ancora una volta ragione alle squadre che chiedono il ripescaggio.

Ricapitoliamo brevemente la storia: dopo il fallimento di Avellino, Bari e Cesena, la Lega di Serie B ha promosso un format a 19 squadre, non accettato dalle partecipanti di Serie C, tra le quali le squadre che erano retrocesse, come l’Entella. In un primo momento, il Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni ha dato ragione alla Lega di Serie B, verdetto poi praticamente modificato dal Tar del Lazio, che ha ritenuto ingiusto il format della Serie B e ha ammesso che le richieste di ripescaggio erano giuste.

A questo punto, oltre alla Serie B, potrebbe cambiare anche la C. Il girone dell’Arezzo potrebbe passare da 20 a 18 squadre, qualora le richieste della Virtus Entella e della Pro Vercelli venissero accolte. Un “favore” che la Lega potrebbe fare anche alla squadra di Dal Canto, visto e considerato che le due compagini richiedenti il ripescaggio sono anche le più attrezzate per la vittoria finale del girone. Ma, come abbiamo già detto, il caos sembra non avere proprio fine. Aspettiamo la prossima puntata.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK