Terzo stato di avanzamento dei lavori al Mosaico della chiesa dello Spirito Santo di Indicatore

L'opera voluta don Santi Chioccioli

| Categoria: Attualità
STAMPA

Sul sagrato della chiesa dello Spirito Santo di Indicatore, un grande mosaico accoglie l’arrivo dei fedeli.
L'opera, voluta dal parroco don Santi Chioccioli e realizzata con materiali di scarto dall'artista Andreina Giorgia Carpenito, è dedicata alla visione del profeta Ezechiele e descrive la nascita del tempio e la salvezza del mondo dal male.
Il mosaico, la cui costruzione iniziò nel 2009, fu sospesa nel 2010 e riprese nel 2013, rientra nel progetto di riqualificazione della chiesa dello Spirito Santo, ed è stato inserito nel data base del Centro internazionale del mosaico (Cdm) e presentato nel 2011 al Museo d'arte della città di Ravenna.
Allo stato attuale dei lavori, l’opera si estende su una superficie di oltre 450 mq, 240 dei quali realizzati dall’artista e i rimanenti da sessanta donatori di prestazione d'opera.
Il terzo stato di avanzamento dei lavori, iniziato a novembre, prevede la creazione di 200 sculture che andranno ad arredare l'esterno della chiesa; un grande parco di oltre 3000 mq, panchine, giochi, un percorso sensoriale abilitato per diversamente abili e non, e uno spazio aperto al pubblico per accogliere spettacoli ed esibizioni artistiche.
Varie sono state le aziende che hanno creduto nel valore di questa «impresa»: tra queste, la multinazionale della ceramica Marazzi, la Sgrevi, storica azienda aretina di materiali edili e la Tacs, azienda artigianale di tessuti con sede in Casentino.
Per questo terzo lotto di lavori, a esse si aggiunge l’Airbeton del Corsalone (Chiusi della Verna), i cui dirigenti - Piergiulio Pizzetti, direttore generale, e Giorgio Casetti, direttore dello stabilimento - hanno donato 8000 q in blocchi di calcestruzzo aerato autoclavato con cui saranno create le sculture.
«È un lavoro certosino – commenta il parroco don Santi Chioccioli - realizzato in un luogo quasi abbandonato, salvato dall'amore dell'uomo».
Al mosaico della chiesa dello Spirito Santo e all’artista Andreina Giorgia Carpenito che l’ha realizzato, è dedicato il documentario intitolato Il dolce respiro dell’anima, per la regia di Luigi Vetere e le musiche di Lara Viviani.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK