Questa sera in scena alla casa museo di Ivan Bruschi la giovanissima violinista Mone Hattori

Questa sera alle ore 21.15 presso la Casa Museo di Ivan bruschi si esibirà il giovane talento giapponese

| di Riceviamo e pubblichiamo
| Categoria: Attualità
STAMPA

Un giovane talento nipponico incanta la Stagione Concertistica Internazionale 2014. Dopo il successo della serata inaugurale, mercoledì 19 febbraio alle 21.15, è in programma il secondo appuntamento della manifestazione organizzata dalla Fondazione Ivan Bruschi, amministrata da Banca Etruria, in collaborazione con l’Associazione Giovani Musicisti Aretini
Nella suggestiva cornice offerta della Casa Museo di Ivan Bruschi, si esibirà in esclusiva ad Arezzo per l'Italia la giovanissima violinista giapponese Mone Hattori accompagnata al pianoforte dalla pianista russa Irina Vinogradova.

         Mone Hattori a soli 14 anni ha già vinto il primo premio assoluto in quattro Concorsi Internazionali: l’11° "Wieniawski and Lipinski International Competition for Young Violinists" in Polonia nel 2009, il "Japan Arts Competition", sempre nel 2009, l’"International Young Virtuosos Competition" in Bulgaria e l’"International Violin Competition of Novosibirsk" in Russia, entrambi nel 2013. Il talento dell’artista è stato forgiato in questi anni dall’insegnamento del celebre maestro di violino, russo di origini ebraiche, Zakhar Bron, precedentemente mentore di Vengerov, Repin e di altri 74 vincitori di primi premi internazionali. Mone Hattori ha preso le sue prime lezioni a partire dall’età di cinque anni con il Maestro Goro Masuda e un anno dopo è diventata allieva del Maestro Akuri Suzuki e in seguito del Maestro Zakhar Bron. La violinista è sostenuta nella sua carriera artistica dalla Igor Tsukanov Family Foundation e all’età di otto anni ha fatto il suo debutto solistico suonando il terzo concerto di Camille Saint-Saëns con l’orchestra e da allora si è esibita in innumerevoli concerti e come solista con la "Zakhar Bron Chamber Orchestra".
          Il repertorio in programmazione mercoledì prevede musiche di Beethoven, Grieg, Ysaÿe, Chausson e per finire la  Carmen Fantasie di Bizet trascritta da Franz Waxman.
Prossimi appuntamenti della Stagione Concertistica: venerdì 28 febbraio (Jin Ju, pianoforte), venerdì 14 marzo (Giovanni Gnocchi, violoncello e Chiara Opalio, pianoforte), venerdì 28 marzo (Duo Helianthus: Laura Pontecorvo, flauti traversi e Guido Morini, clavicembalo) e domenica 6 aprile (concerto in onore della Fiera Antiquaria con il Maestro Bruno Canino).
 

Riceviamo e pubblichiamo

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK