Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Dispositivi di protezione individuale: cosa sono e quando vanno usati

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

I dispositivi di protezione individuale, indicati spesso anche con la sigla dpi, sono indispensabili perché durante l’attività lavorativaesistono dei rischi che causano danni più o meno gravi ai lavoratori. Si tratta di soluzioni che proteggono il singolo individuo perciò si distinguono dai dispositivi di protezione collettivache invece sono soluzioni che garantiscono la sicurezza di tutti.

Su EuroHatria è possibile trovare tutti i dispositivi di protezione per evitare ogni genere di rischio durante l’attività lavorativa ma non solo. Purtroppo, moltissime persone sottovalutano i rischi legati ai lavori svolti a casa durante il giardinaggio, il bricolage, pulizie straordinarie e molto altro ancora. Di seguito, è possibile avere qualche informazione in più sui dispositivi di protezione individuale.

Le categorie dei dispositivi di protezione

Ogni datore di lavoro è tenuto dalla legge a fornire tutti i dpi necessari, una volta individuati tutti i rischi legati all’attività lavorativa specifica. In generale, ci sono tre categorie di dpi: prima categoria, seconda e terza. Più la categoria aumenta, più il dispositivo risponde a un rischio maggiore. Vale a dire che i dpi di prima categoria sono quelli più comuni e diffusi perché proteggono da un rischio lieve.

I dpi di prima categoria

Come già anticipato prima, i dispositivi di protezione individuale di prima categoria tutelano da danni fisici di lieve entità. Queste protezioni servono per tutti quei lavoratori che si occupano di mansioni con rischi bassi. Ovviamente, per questi dispositivi di sicurezza e tutti gli altri è necessario avere una dichiarazione di conformità dal produttore e certificazione CE.

Concretamente, questi dispositivi salvano per proteggere gli occhi, le mani, le braccia, le gambe, i piedi, la testa. Questi indumenti di protezione spesso sono leggeri, fissi o staccabili. Proteggono dalle temperature alte fino a 50° C, dai rischi meccanici superficiali, dalle condizioni atmosferiche, dagli agenti usati durante il lavoro, dalle vibrazioni più leggere.

Quando si usano i dpi di I categoria

Dopo aver capito meglio che cosa sono idpi di prima categoria, bisogna indicare con precisione quali sono situazioni in cui si utilizzano. Si usano nelle situazioni in cui il rischio e non c’è pericolo di danni irreversibili. Proteggono dalle lesioni superficiali, dal contatto con superfici calde o fredde, dall'esposizione ai raggi solari e altre condizioni atmosferiche purché non estreme. Per fare degli esempi pratici, si tratta di lavori di giardinaggio, meccanici e via dicendo.

I dpi di seconda categoria

I dispositivi di protezione individuale di seconda categoria sono prodotti come caschi, scarpe da lavoro, guanti, occhiali protettivi, tutto quello che serve per tutelare il lavoratore durante le sue mansioni. Si tratta di prodotti pensati per proteggere dai rischi e danni fisici di media entità. Per esempio, proteggono dalle temperature elevate fino a 100° centigradi, occhiali protettivi con filtri ma anche dispositivi per proteggere l’udito.

I dpi di terza categoria

I dispositivi di terza categoria sono soluzioni che proteggono da danni gravi e permanenti per la salute. Pervengono anche il rischio di decesso. Proteggono da collisioni, scintille, schegge e anche cadute dall’alto.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK