Discriminato per il proprio orientamento sessuale, si salva grazie all'Arcigay di Arezzo

Il comitato locale festeggia con un importante evento il primo anno di vita

| Categoria: Attualità
STAMPA

ll Comitato Arcigay Arezzo "Chimera Arcobaleno" festeggia un anno di vita con un evento molto importante. Infatti, il team composto da Arcigay Arezzo, Arci Arezzo e Sprar Arezzo sono riusciti a supportare la richiesta di asilo di un giovane al quale oggi è stato riconosciuto lo Status di rifugiato per motivi legati all'orientamento sessuale. Alcuni mesi fa il ragazzo si era rivolto al Comitato Arcigay Arezzo per chiedere aiuto, poichè nel suo Paese veniva  discriminato a causa del proprio orientamento sessuale al punto di dover fuggire per salvarsi. Dopo essere stato ascoltato dalla Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale,al giovane è stato riconosciuto il diritto a ricevere protezione dall'Italia. Adesso il ragazzo è seguito dallo Sprar -  Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati –. Il progetto, di cui è capofila il Comune di Arezzo, si occuperà di accompagnarlo nel suo processo di integrazione, fornendogli vitto, alloggio, supporto nper eccedere al mondo del lavoro e nella ricerca di un'occupazione. Talvolta si è costretti a fuggire dalla propria Patria anche per l'orientamento sessuale. Comunque, grazie all'attività legislativa dell'Unione Europa, questo tipo di discriminazione è ormai espressamente riconosciuta come forma di persecuzione. Invece, in alcuni paesi del mondo, come Yemen, Emirati Arabi e Iran, l'omosessualità ancora è punita addirittura con la pena di morte, e è di questi giorni la proposta di una legge simile anche in Uganda.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK