Bibbiena, campagna di sensibilizzazione per l'affido familiare

Al via gli incontri promossi dall'amministrazione

| Categoria: Casentino
STAMPA

Parte in questi giorni la campagna si sensibilizzazione sul servizio di affido familiare. Operatori e psicologici incontreranno la gente per offrire informazioni su questa importante opportunità. Oggi è stato la volta del centro commerciale Casentino e l’occasione si ripeterà a più riprese nelle prossime settimane.
L’Amministrazione di Bibbiena, in Casentino, ha attivato un servizio di affido familiare. La premessa essenziale di tutto questo percorso è il primario diritto e bisogno dei bambini e dei ragazzi a crescere in una famiglia. Affido significa nuova cultura territoriale, nuova rete di solidarietà, un nuovo patto tra le istituzioni e la società civile nel segno della crescita felice di chi rappresenta davvero il nostro futuro. Nel nostro territorio ci sono famiglie che vivono temporanee situazioni di disagio e ci sono bambini che hanno bisogno di trovare un ambiente equilibrato e sereno per la propria crescita pur mantenendo i legami con la famiglia d'origine.


Importante strumento di solidarietà sociale, l'affido familiare fornisce una risposta concreta ai bambini e agli adolescenti che aspettano un aiuto, garantendo loro di poter crescere in un ambiente familiare protettivo, per il periodo in cui la famiglia si trova in difficoltà e non può prendersi cura di loro. L'affido è un'esperienza temporanea, che possono fare persone singole o in coppia, per poche ore o con un impegno più costante e a lungo termine. Ciò che intende fare questa amministrazione è proprio sensibilizzare la cittadinanza al tema dell'accoglienza, suscitando l'interesse ad intraprendere tale esperienza. L'affidamento familiare è una risposta concreta di supporto e accoglienza a bambini ed adolescenti che necessitano di un contesto alternativo a quello familiare. In tal senso l'affido può essere inteso come un'occasione di crescita condivisa per tutti coloro che vi sono coinvolti: il minore in difficoltà, le due famiglie, d'origine e affidataria, ed i servizi coinvolti.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK