Ladri di slot finiscono dietro alle sbarre, erano ai domiciliari ma non pagavano l'affitto

Diventato esecutivo lo sfratto il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere

| Categoria: Cronaca
STAMPA

Un'altro capitolo dell'operazione "Slot" condotta dalla squadra mobile aretina, che aveva incastrato una banda di albanesi dediti al furto di videopoker nei bar cittadini. Sempre lo stesso il modus operandi: sfondavano la vetrina con un'auto rubata, nel cuore della notte, poi entravano e sdradicavano le slot legandole al mezzo, per poi darsi alla fuga. Eclatanti i colpi al bar della Marchionna, ed al Baradero, alla Catona. Due di loro, un 32enne E.E., chiamato Senior, ed E.A. di 30 anni, seppure avessero ottenuto i domiciliari ieri sono finiti lo stesso dietro le sbarre. Infatti non pagavano l'affitto e quindi, una volta che lo sfratto è diventati esecutivo, il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere. Così sono stati accompagnati dagli uomini della Mobile a San Benedetto.

 

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK