Popolari per Arezzo

| di Stefano Conti
| Categoria: Politica
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Estra non può quotarsi in borsa senza l'autorizzazione del consiglio comunale. A denunciare l'illegittimità di questa procedura sono i Popolari per Arezzo che stigmatizzano il comportamento della società partecipata. Nei giorni scorsi è stata infatti resa nota la convocazione dell'assemblea dei soci di Coingas per il 7 marzo, per discutere la presentazione della procedura che porterà alla quotazione in borsa di Estra. I Popolari per Arezzo denunciano come questa decisione sia priva di ogni fondamento perché non tiene in alcun conto l'opinione dell'unico organo rappresentativo della volontà della comunità civica: il consiglio comunale. L'operazione di quotazione deve infatti essere discussa e approvata in sede consiliare per fornire all'assemblea dei soci tutti gli indirizzi necessari e opportuni. «I Popolari per Arezzo - tuona il capogruppo Luigi Scatizzi, - non vogliono fare una battaglia ideologica ma politica. Per una questione di democrazia e di rappresentanza dei cittadini, il consiglio ha il diritto e il dovere di discutere delle scelte strategiche di tutte le sue partecipate: la decisione di Coingas è irrispettosa delle prerogative del nostro sindaco, marginalizzandone l'attività e escludendo la parte pubblica». Il tema di fondo è la sostanziale questione di come il Comune debba o possa trattenere la propria partecipazione all'interno del capitale di Coingas. Quotarsi in borsa e ricorrere al mercato finanziario privato deve avere solide motivazioni economiche, finanziarie e patrimoniali, nonché organizzative, dunque una decisione di tale portata deve necessariamente essere elaborata con indirizzi specifici dal socio comunale. La legge prevede infatti che il consiglio conferisca legittimazione all'azione straordinaria della società dal momento che l'intero patrimonio del gas gestito da Coingas è di proprietà pubblica e che il Comune è socio di maggioranza relativa. «La decisione - continua Andrea Gallorini, presidente dell'associazione Popolari per Arezzo, - di ricorrere al mercato finanziario privato e di privatizzare definitivamente Coingas senza l'intervento dell'istituzione pubblica delegittima politicamente l'operazione, precedendo tra l'altro il riassetto complessivo delle partecipate messo in cantiere dall'amministrazione comunale». I Popolari per Arezzo chiedono dunque di avviare una significativa discussione in consiglio e un parallelo percorso pubblico con la comunità civile perché i cittadini si esprimano direttamente su tale questione. Sarebbe dunque opportuno convocare con urgenza un nuovo consiglio comunale, prima del 7 marzo, per discutere esclusivamente di questa situazione. «Lo statuto di Coingas - concludono Scatizzi e Gallorini, - prevede l'unanimità del consenso dei soci. La decisione di quotare la società nel mercato finanziario privato richiede una modifica statutaria in cui il Comune ha un ruolo imprescindibile: questa volontà deve considerare i pareri del proprio consiglio in una seduta convocata con la massima urgenza».

Arezzo, martedì 4 marzo 2014

Stefano Conti

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK