Partecipa a Arezzo Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il presidente della Provincia di Perugia torna alla carica "Italia Mediana"

Con Vasai l'occupazione della E78. Un gesto da cui ripartire spiega Guasticchi

Condividi su:

''Da Perugia partira' il rilancio del progetto Italia Mediana per un centro federalista e solidale in grado di essere la cerniera per l'unita' del Paese'': ad annunciarlo e' il presidente della Provincia di Perugia, Marco Vinicio Guasticchi. ''Progetti chiari, concreti e condivisi - sottolinea Guasticchi -, proposte di sviluppo per cancellare la vergogna di opere incompiute e ridare a tutti speranza e futuro in chiave europea. E' in fase di elaborazione una bozza che consegneremo a Matteo Renzi e agli altri candidati alle primarie di coalizione per un'azione di governo incisiva e risolutiva''. In una nota il presidente fa riferimento all'Italia Mediana, che due anni fa, proprio da Perugia con la convocazione degli Stati generali e successivamente con l'occupazione simbolica della galleria della Guinza chiamò a raccolta amministratori pubblici, rappresentanti di associazioni di categoria e sindacati di quattro regioni per ''definire un patto di collaborazione partecipato in grado di rilanciare questo territorio delle eccellenze che si estende dall'Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche e Lazio''. ''Assieme al presidente della Provincia di Pesaro Matteo Ricci, Roberto Vasai della Provincia di Arezzo e tanti altri amministratori dell'Italia centrale - ha proseguito Guasticchi - attraverso una iniziativa simbolica e provocatoria al tempo stesso, come l'occupazione pacifica della galleria della Guinza riuscimmo a riportare l'attenzione sul completamento della E78, contribuendo a riattivare il tavolo tecnico presso il ministero, fermo da mesi. Da quella emergenza infrastrutturale (corridoio strategico tirreno-adriatico) vogliamo ripartire inserendo fra le priorita' programmatiche delle primarie di coalizione la questione dell'Italia Mediana e delle sue concrete applicazioni istituzionali in chiave federalista ed europea".

Condividi su:

Seguici su Facebook