Pneumologi under 45 a “lezione” di Terapia Intensiva Respiratoria

Al San Donato, due giornate dedicate di studio coordinate da Raffele Scala

| Categoria: Sanità
STAMPA

Saper gestire un paziente critico sotto terapia intensiva respiratoria (Utir). Una esigenza in forte crescita visto l’aumento esponenziale delle malattie respiratorie nella popolazione dei Paesi occidentali. Per questa ragione, sotto la direzione scientifica di Raffaele Scala, direttore della Pneumologia, venerdì e sabato prossimi (6 e 7 dicembre) nella sala conferenze della Biblioteca dell’Ospedale San Donato di Arezzo si terrà un corso mirato alla gestione del paziente critico in Utir riservato esclusivamente a pneumologi under 45. L’obiettivo del corso è di fornire preventivamente un’adeguata preparazione alle numerose tecniche utilizzate nel trattamento delle malattie respiratorie quali il monitoraggio multi-parametrico, la ventilazione meccanica non invasiva e invasiva, il controllo delle vie aeree, la gestione della tracheotomia e altre procedure non meno importanti.
“E’ utile e responsabile  - spiega Raffaele Scala - per coloro ai quali il corso è riservato, parteciparvi, dato che i dati della vita reale hanno dimostrato che lo pneumologo non segue nella maggior parte dei casi un percorso formativo accademico idoneo in terapia intensiva respiratoria, venendo ad acquisire la “competence” specialistica troppo in ritardo”

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK