Utip e stanza Neuromuscolare, cresce la pneumologia aretina

Sempre più strategico il ruolo di questo reparto nella gestione del San Donato

| Categoria: Sanità
STAMPA

Vita nuova all’ospedale San Donato di Arezzo per quei pazienti che hanno gravi difficoltà respiratorie  o sono affetti da malattie neuromuscolari: nonostante le ben note difficoltà economiche, sono stati realizzati all’interno della unità operativa di pneumologia una nuova Utip e una stanza neuromuscolare.
Stamani l’ìnaugurazione, in forma sobria e discreta, perché queste strutture sono già operative, con gli ammalati nei letti. 
“La nuova Utip aretina – ha dichiarato il direttore generale dell’Azienda Enrico Desideri - è un  vero fiore all’occhiello se raffrontato con le “omologhe strutture” in Toscana. Come ben noto stiamo ben attenti alla gestione delle risorse. La scelta che abbiamo fatto è quella di tagliare le spese improduttive. Ma strutture come queste rappresentano per noi la doverosa risposta alle esigenze di cittadini con patologie importanti, ed è stato giusto pur nelle pieghe di bilanci sempre più risicati, aver trovato le risorse necessarie.”

La nuova Utip ha spazi ampi e luminosi, 4 posti letto, una funzionale ubicazione della stazione di lavoro infermieristica, ventilatori di ultima generazione, monitor multi-parametrici, apparecchiature per la mobilizzazione e eliminazione delle secrezioni, decapneizzatore, zona filtro per visitatori e contiguità con il resto del reparto.

“Lo specialista pneumologo nella Utip – ha spiegato il primario Raffele Scala - può monitorare e trattare lo scompenso grave del organo polmone. Si tratta dell’insufficienza respiratoria acuta o meglio “attacco respiratorio”: è l’incapacità del sistema polmone e del torace di arricchire di ossigeno il sangue e di depurarlo dall’anidride carbonica. E’ una malattia grave poiché così come nell’ “attacco cardiaco” il cuore si inceppa,  durante l’ “attacco respiratorio” quando il respiro è affannoso, il paziente è in grave pericolo di vita. Solo l’intervento tempestivo di una equipe di medici, infermieri, fisioterapisti e Oss che ha adeguata esperienza e può lavorare in un ambiente idoneo, quale è l’Utip, può dare il meglio al cittadino con “attacco respiratorio”.”

In questa fase il personale aiuta il paziente a respirare mediante la ventilazione artificiale che viene preferenzialmente erogata in modo “non invasivo” cioè con speciali maschere o “elmetti”, senza intubazione tracheale. In verità non è proprio una ventilazione non-invasiva in quanto il paziente si sente “invaso”, e come, anche senza un tubo inserito in trachea.  “Ma la differenza – ci tiene a sottolineare Scala - ancora una volta la fa l’equipe. Posizionare la maschera, incoraggiare il paziente, scegliere le giuste pressioni del ventilatore, regolare le perdite aeree, evitare i danni da decubito, mobilizzare il paziente, rimuovere le secrezioni, vedere precocemente i segni del peggioramento, sono tutti grandi dettagli che fanno la differenza e che sono presenti in Utip. E il paziente se ne accorge e avverte la differenza sentendosi preso in carico in un momento delicato della sua vita. In Utip è disponibile la broncoscopia, un esame che esplora i bronchi con la possibilità di fare prelievi mirati; tale indagine è una arma formidabile dello Pneumologo in quanto può aiutare il medico a capire la causa dell’ “attacco respiratorio” o a rimuovere i tappi di catarro. In alcuni casi in Utip può essere applicata la decapneizzazione cioè la rimozione extra-corporea dell’anidride carbonica in eccesso quando la ventilazione non è sufficiente.”

Utip e la Pneumologia sono ormai riconosciuti come anelli fondamentali nell’economia dell’ospedale. L’Utip lavora come un fulcro tra il Pronto Soccorso, i diversi reparti medici e la Rianimazione. Trovano in Utip accoglienza sia pazienti in grave “attacco respiratorio” che necessitano di un livello di intervento e monitoraggio superiore a quello possibile in reparto e inizialmente trattati in Medicina di Urgenza, sia pazienti in svezzamento dalla ventilazione meccanica tramite tracheotomia che provengono dalla Rianimazione. Avere poi tutti i servizi della Pneumologia accanto rende ancora più vincente il funzionamento dell’Utip: infatti quando il paziente migliora passa in reparto e viceversa secondo l’ intensità di cura dell’organo scompensato; in più lo pneumologo può facilmente fare misurare la funzione respiratoria e i disturbi del respiro durante il sonno in Fisiopatologia e attivare la Riabilitazione respiratoria nella palestra ai suoi pazienti a lungo allettati e prepararli alla dimissione.

L’Utip dispone di 4 posti letto ed ha un infermiere dedicato nelle 24 ore. Negli ultimi 5 anni, pur in condizione operative peggiori delle attuali, l’Utip di Arezzo ha trattato più di 800 casi di pazienti con insufficienza respiratoria acuta grave, utilizzando nel 70% dei casi la ventilazione non invasiva e nel 30% la ventilazione invasiva mediante tracheotomia con un tasso di mortalità del 10%, in linea con i dati della letteratura internazionale. In particolare, l’uso della ventilazione non invasiva da parte di un team esperto di infermieri e pneumologi ha evitato nell’80% dei casi il ricorso all’intubazione e il trasferimento in Rianimazione. Oltre ai vantaggi per la salute del cittadino aretino, sono evidenti gli altri vantaggi, fra cui anche quelli di minore occupazione di posti in rianimazione con altissimi costi e gravi disagi per pazienti e familiari. Il tutto si è inserito in un percorso clinico-assistenziale aziendale il cui nodo centrale è proprio l’Utip. Una struttura che vanta una fertile produzione scientifica con lavori pubblicati su riviste prestigiose e presentati a congressi nazionali e internazionali riguardo l’uso della ventilazione non invasiva nel coma ipercapnico, nel paziente con comordidità e nelle fasi precoci dell’ictus ischemico, l’impiego della broncoscopia associata alla ventilazione meccanica, la valutazione del carico di lavoro infermieristico in Utip. Infine l’Utip di Arezzo è stata inclusa nel recente censimento nazionale che ha coordinato il dr. Scala per l’associazione italiana degli pneumologi ospedalieri.

STANZA PER PAZIENTI NEUROMUSCOLARI
Inaugurata anche una stanza dedicata esclusivamente alle persone con malattie neuro-muscolari, SLA e distrofia muscolare in primis, ubicata all’interno del reparto di Pneumologia laddove il paziente con i familiari e il caregiver trovano posto per tutte le esigenze più delicate (non necessariamente pneumologiche) che richiedono il ricovero ospedaliero: dal completo studio fisiopatologico respiratorio diurno e notturno all’adattamento alla ventilazione meccanica, dal posizionamento della PEG e avvio alla nutrizione enterale, dall’addestramento del caregiver al supporto psicologico, dalle problematiche gestionali sociali e familiari alle cure di fine vita, e talvolta eventi lieti come il matrimonio (come accaduto recentemente). Si tratta di interventi che necessitano del ricovero per poter essere effettuati in sicurezza e con la dovuta attenzione e competenza ad opera del personale medico e infermieristico della Pneumologia con l’intervento dei diversi specialisti del gruppo SLA. La vicinanza dell’Utip costituisce un valore aggiunto per il trattamento delle gravi complicanze respiratorie acute della malattia neuromuscolare allorquando è necessario uno stretto monitoraggio e supporto ventilatorio degli episodi di grave insufficienza respiratoria in stretta collaborazione con la Rianimazione dell’Ospedale S. Donato di Arezzo.
Quando scatta l’allarme per il paziente neuromuscolare il gruppo di lavoro si attiva e lo Pneumologo rende disponibili il posto letto evitando il passaggio dal pronto soccorso. In questo modo, grazie a questa stanza e al lavoro di gruppo, il paziente e i familiari si sentono presi in carico e non si sentono soli nella sventura della malattia. Solo nel 2012 sono stati trattati più di 40 pazienti con malattie neuromuscolari in Pneumologia e Utip con una drastica riduzione di fughe verso altri centri specialistici.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK