Partecipa a Arezzo Oggi

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L’Orto Botanico di Castiglion Fiorentino protagonista al seminario Agricoltura Sociale in Toscana

Giovedì 19 dicembre 2013 audizione in Senato

Condividi su:

L’Assessorato all’Agricoltura della Regione Toscana ha organizzato un seminario sul ‘Progetto Agricoltura Sociale in Toscana’ presso l’Istituto degli Innocenti di Firenze mettendo in evidenza cinque progetti sui circa trecento attivati, dove uno dei cinque prescelti era dell’Associazione Ragazzi Speciali di Castiglion Fiorentino. “Siamo  orgogliosi di questa scelta – esordisce Sara Rapini, Presidente dell’associazione castiglionese - chiamati a relazionare in merito abbiamo fatto conoscere quanto con questo progetto si è potuto realizzare: l’esperienza lavoro, che ha permesso di trasformare da campo incolto a orto/giardino dalle mille risorse, con il coinvolgimento di ragazzi diversamente abili, in specifico con problematiche dello spettro artistico. Il tutto grazie anche al terreno messo a disposizione, insieme alla preziosa collaborazione e professionalità di fondamentale necessità, delle aziende private Buccelletti e Calamia, con il valore aggiunto di riscoprire la preziosa risorsa per il territorio di mantenere i terreni coltivati”. L’Orto Botanico nel frattempo ha già prodotto i suoi “frutti“, visto che da meno di un anno dallo start up ha avuto importanti visite, su tutte le delegazioni di importanti aziende giapponesi  come Mitsubishi, Shoji, Omron Taiyo Co, Honda Sun Co. Ltd., impegnate nella ricerca di modelli da seguire per l’ambito della disabilità intellettiva. “Ma ciò che a noi ci gratifica è la visita dei bambini delle scuole – prosegue Rapini - naturalmente i pionieri sono stati gli alunni della scuola elementare di Santa Cristina, che hanno scoperto per primi il nostro percorso sensoriale dopo una breve camminata attraverso il rio di Santa Cristina con la spiegazione semplice ma efficace di esperti che con giochi e riflessioni ricordano i cinque sensi vitali, sottolineando l’importanza di averli tutti in ottima forma. Abbiamo prenotazioni per la prossima stagione di altre scuole della Valdichiana e di Arezzo, e ciò ci fa molto piacere perché attraverso questi incontri i nostri ‘Ragazzi da Speciali’ sono diventati quelli dell’orto botanico. Questa è la vera integrazione utile ad una generazione che cresce con valori non imposti ma condivisi ricordando che questo orto è una risorsa per le scuole che penseranno a progetti di orto come la scuola di Santa Cristina, che seminerà nei vasi per poi trapiantare a primavera nell’ortaggeria la parte dedicata al progetto ‘Conserveria’ per la trasformazione e conservazione dei prodotti in vasetto di salse”. Facendo accenno alla legge 68 da rivedere ormai troppo vecchia la Presidente conclude: “Tra i relatori presenti a Firenze la Senatrice Manuela Granaiola della Commissione Igiene e Sanità, che a seguito dell’intervento ha chiesto i recapiti dell’associazione castiglionese, tanto che dopo qualche giorno abbiamo ricevuto l’invito dall’ufficio di segreteria del Senato della Repubblica commissione Igiene e Sanità per l’audizione sulla nostra Onlus  per giovedì 19 dicembre 2013”. Speriamo che questo nostro contributo ad un incontro così importante possa essere utile a tutti i ‘Ragazzi Speciali’.

Condividi su:

Seguici su Facebook