Anghiari e Monterchi, presentato il progetto per la casa della salute

Stamani a Palazzo Testi

| Categoria: Valtiberina
STAMPA
Il sindaco di Anghiari Riccardo La Ferla

“Miglioramento dell’assistenza da perseguire attraverso l’integrazione tra professionisti dell’area sanitaria e dell’area sociale, favorire una migliore presa in carico degli utenti e offrire risposte certe ai bisogni di salute dei cittadini”. Esordisce così il sindaco di Anghiari Avv. Riccardo La Ferla alla presentazione del progetto Casa della Salute di Anghiari e Monterchi, avvenuta questa mattina a Palazzo Testi. “Dopo il progetto Diamoci una Scossa– precisa il primo cittadino – continua da parte di questa amministrazione una capillare attenzione verso temi vitali per la popolazione. Successivamente alle elezioni abbiamo creato un progetto guida importante all’interno della sanità, credo che siamo stati il primo comune in Valtiberina ad avere ben 14 defibrillatori sparsi per tutto il territorio e posizionati nelle zone strategiche del paese ed ora anche questo fiore all’occhiello, fondamentale per la popolazione. La casa della Salute – continua La Ferla – raccoglierà le utenze di Anghiari e Monterchi, abbracciando dunque un bacino considerevole e sarà ubicata al primo piano dell’attuale residenza protetta. Pochi giorni fa abbiamo siglato l’accordo con la Asl, fin dall’inizio c’è stata sintonia tra i due Enti e credo che entro l’anno cominceremo i lavori”. Presente alla conferenza anche il Dottor Evaristo Giglio, nuovo responsabile Asl della Valtiberina, il quale ha analizzato il progetto affrontandolo dal punto di vista sanitario: “L’intervento – ha spiegato il dottor Giglio - si contestualizza all’interno di una serie di scelte aziendali regionali. La Casa della Salute è un concetto assai recente, ad oggi viene concepito come un presidio, una struttura di riferimento per tutto ciò che comprende la medicina territoriale, ossia una concreta integrazione tra medicina e pediatria di base, servizi sociali e ambito specialistico. Questa nuova struttura – conclude il responsabile Asl - deve essere un momento di partecipazione della sanità pubblica e gli interventi che andremo a fare assieme al comune di Anghiari, dovranno essere rivolti verso la promozione della salute e il benessere della collettività. Sarà una sintesi dei vari servizi di primo livello, ma ci tengo a sottolineare che non va a sostituire le strutture già esistenti, lo stesso Monterchi manterrà i suoi ambulatori, la nostra intenzione è quella di dare un’ integrazione tra i vari servizi attraverso risposte sintetiche, rapide e professionali”. “Con il dovuto ottimismo – ha precisato anche l’assessore alla politiche sociali Giuseppe Ricceri – ci auguriamo che il prossimo anno i lavori siano terminati così da poter inaugurare una struttura efficiente la quale, considerato anche il servizio della guardia medica, garantisce prestazioni sanitarie 24 ore su 24. La nostra amministrazione crede molto in questa struttura e nonostante l’evidente momento di difficoltà, siamo orgogliosi di questo progetto che finalmente ha raggiunto la sua ufficialità grazie all’impegno di ambedue le parti in causa”.

Abbiamo siglato un accordo con la Asl e i lavori inizieranno a breve. Migliorano i servizi e c’è stata subito sntonia tra i due enti. Screen quotidiano e un luogo dove il cittadino si ritrova come amministrazioni ne abbiamo parlato ed è stato un progetto sostenuto da tutti. In breve siamo riusciti a trovare l’accordo con la Asl e entro l’anno cominceremo i lavori. Il comune di monterchi rimarrà l’ambulatorio Volevo solo evidenziare l’attenzione che questa amministrazione ha rivolto siu temi vitali come questa nuova cosa, il cui progetto è nato subito dopo l’elezione, abbiamo dovuto trovare le risorse, la Asl impiega circa 300 mila euro ed è l’unico ad aver fatto un prgetto vero sulla prevenzione e l’istallazione di defibrillatori siamo già arrivati a 14 distribuiti con logica in molte strade comunali e frazioni, consapevoli dell’allungamento della vita e ci adeguiamo a ciò

Accordo sottoscritto, realizzazione di una struttura utile a tutta la collettività: casa della saluta tra monterchi e anghiari quindi grande bacino di uetnza, Rilevante anche la sintonia con la quale i due enti stanno collaborando, nel progetto infatti il comune di Anghiari è parte integrante del progetto per economizzare le poche risaorse e per stringere i tempi ma con molto ottimismo si speradi concludere i lavori il prossimo anno previaimprevisti poiché la casa della salute sorgerà a piano terra dell’attuale residenza protetta e si sa che qnd si va a lavorare sui palazzi storici qualch imprevisto può accadere

Sarà all’avanguardia anche tecnologicamente e considerando nella continuità il servizio della guardia medica assisteremo ad una copertura di 24 ore

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK