Un anno di PdP: Plinio e la sua storia raccontata in Provincia - FOTO

Questa mattina l'incontro tra il padre Iacopo e il presidente Roberto Vasai

| di Andrea Pistolesi
| Categoria: Attualità
STAMPA

FOTOGALLERY

Plinio Ortolani.

Un bambino come tanti, un destino come pochi.
Un destino che poteva essergli fatale.
Questo bellissimo bambino ricciolo con i capelli biondo platino infatti all'età di 5 anni ha già una storia da raccontare. E lo fa attraverso suo padre Iacopo e la sua lotta contro il diabete mellito di tipo 1.
Una lotta strenua contro questa malattia che ha colpito proprio suo figlio Plinio. Si, suo figlio ha il diabete, una cosa che non è normale per i bimbi della sua età abituati a giocare e scherzare sui prati. Mentre i suoi amici si rincorrono felici lui il 14 Luglio 2009 si trovava su un letto all'Ospedale Meyer di Firenze contornato dai suoi familiari quasi esanime per un maledetto errore nel valutare la quantità di glicemia nel sangue di Plinio (le analisi dichiaravano 0 e lui aveva più di 1000), procurato dai medici dell'Ospedale di Sansepolcro.

Il padre del piccolo Plinio racconta questo calvario tra gli ospedali, gli errori, i ritardi, diagnosi sbagliate che hanno portato suo figlio ad avere purtroppo per sempre i segni di questa brutta vicenda.
Iacopo ha voluto raccontare questa storia con un libro: 'La forza che ho dentro', i cui proventi sono stati donati all'Ospedale fiorentino che ha ridato la vita a Plinio.
Il libro è entrato a far parte di una collana di medicina narrativa grazie anche alla più ampia discussione fatta dalla dottoressa Toni, responsabile della diabetologia dell'ospedale pediatrico Meyer.
Nel frattempo è nata assieme agli amici più stretti della famiglia Ortolani l'idea di fondare un circolo sportivo 'PdP Ore 6' che fa prevenzione contro il diabete, perchè il suo dramma non venga dimenticato e che altri bambini non corrano più questo rischio. Lo slogan e le bandiere di Plinio hanno partecipato così a molte gare sportive dove molto personaggi famosi hanno voluto dare il loro contributo per promuovere questa iniziativa.
Correre per il 'PdP' è motivo per portare un messaggio di sostegno, coraggio e voglia di non mollare mai per il raggiungimento di una giusta giustizia umana attraverso la fatica e il coronamento di un traguardo sportivo, che si materializza nella figura di Plinio.

Ed oggi, è passato un anno dalla fondazione del Gruppo 'PdP' e come l'anno scorso il gruppo si è incontrato in Provincia assieme al Presidente Roberto Vasai.

E' stato un incontro informale, nel quale è stato fatto un bliancio approssimativo dei progetti realizzati e della donazione fatta per l'appunto dal 'PdP' all'Ospedale Meyer. Presenti oltre a Iacopo Ortolani, una delegazione di Porta Santo Spirito che ha sancito da tempo un'unione con il PdP attraverso gare podistiche che hanno visto protagonisti i quartieristi Lorenzo Alberti e Luca Tognalini.

Al Presidente Vasai è stato regalato un libro di Uguccione de Fiaschi, un noto sbandieratore di Sansepolcro dal titolo 'Lo sbandieratore di emozioni', una raccolta di poesie dove all'interno se ne trova una dedicata al piccolo Plinio.

Questa è una storia da non sottovalutare. E' una storia che fa riflettere. Questi errori non devono capitare mai più a NESSUNO.

'IL DIABETE MELLITO DI TIPO 1 E' UNA DIAGNOSI FACILE SE LA SI HA IN MENTE!'

Andrea Pistolesi

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK