Controllo in un bar degenera, poliziotto colpisce cliente con il calcio della pistola. Condannato

Pena a due anni ed un mese per l'agente. Dovrà anche risarcire 25mila euro la parte offesa

| Categoria: Cronaca
STAMPA

Poliziotto condannato a quattro anni per aver colpito al volto, con il calcio della pistola d'ordinanza, l'avventore di un bar di Arezzo causandogli la deformazione del volto. L'episodio accadde nel maggio del 2004 ma e' stato rievocato questa mattina in Tribunale ad Arezzo nell'udienza che ha chiuso il lungo processo. L'imputato, un 60enne residente a Firenze, all'epoca dei fatti ispettore capo in servizio al Reparto prevenzione e crimine della Toscana sezione di Firenze, durante un servizio di istituto insieme a due colleghi controllo' alcune persone che si trovavano davanti ad un bar di Arezzo. Secondo quanto emerso in aula l'ispettore sparo' prima un colpo in aria a scopo intimidatorio poi colpi' ripetutamente un avventore del bar con il calcio dell'arma provocandogli plurimi traumi contusivi alla testa con ferite lacero contuse, frattura delle ossa nasali e conseguente indebolimento permanente dell'organo di respirazione e  deformazione del volto. L'imputato, chiamato a rispondere di lesioni aggravate, e' stato condannato a quattro anni, il pm Francesco Bianchi aveva chiesto due anni e un mese. L'imputato dovra' risarcire 25mila euro alla parte offesa.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK