Celiachia, giornata di studio a Sansepolcro

Sabato, a Palazzo delle Laudi, esperti a confronto. Oltre tremila gli aretini che ne soffrono

| Categoria: Sanità
STAMPA

La celiachia sarà al centro di un incontro in programma  sabato prossimo nella sala consiliare del Comune di Sansepolcro
Sono oltre tremila gli aretini affetti da questa malattia e più di mille sono assistiti e seguiti dalla ASL8.
La celiachia è una malattia autoimmune dovuta all’intolleranza al glutine, frazione proteica contenuta in molti cerali (frumento, farro, orzo, segale, etc…), che assunta anche in piccole quantità è in grado di danneggiare la mucosa intestinale del soggetto celiaco. I sintomi più comuni sono inappetenza, disturbi gastro-intestinali, diarrea e meteorismo. Ancora oggi l’unica terapia per tenere sotto controllo la celiachia è quella di seguire una dieta con alimenti privi di  glutine.

Presso l’Ospedale San Donato di Arezzo è attivo un ambulatorio specialistico all’interno del reparto di Gastroenterologia ed Endoscopia. L’accesso all’ambulatorio (aperto al pubblico ogni terzo martedì del mese) è prenotabile tramite cup, con regolare richiesta del medico di famiglia. Una volta verificata la presenza della malattia, i pazienti possono beneficiare di buoni acquisto per i prodotti senza glutine.

Durante il convegno di sabato a Sansepolcro, Fabrizio Magnolfi, direttore della Unità operativa di gastroenterologia ed endoscopia digestiva dell’Ospedale San Donato di Arezzo illustrerà gli aspetti clinici e diagnostici della malattia celiaca, Elisa Spaghetti, dietista e membro del Comitato Scientifico Regionale AIC Onlus Toscana presenterà la dieta senza glutine, Rossella Leonardi responsabile Unità Funzionale SPIAN della Valtiberina parlerà di epidemiologia e normative sulla celiachia.

Contatti

redazione@arezzooggi.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK